Corruzione, ancora medici nel mirino dei carabinieri. Cinque arresti e dieci denunce

I carabinieri del Nas di Pescara hanno arrestato un dirigente medico e quattro rappresentanti di due società produttrici di alimenti per l’infanzia per corruzione.

I carabinieri del Nas di Pescara hanno arrestato un dirigente medico e quattro rappresentanti di due società produttrici di alimenti per l’infanzia per corruzione. Il blitz di questa mattina è scattato in otto province di quattro regioni d’Italia (Lazio, Abruzzo, Puglia e Lombardia) dove sono state eseguite anche dieci perquisizione. L’attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Chieti, ha consentito di smascherare gli illeciti comportamenti di un medico primario universitario e quattro rappresentanti di due note aziende produttrici di alimenti per l’infanzia. Le intercettazioni video-ambientali hanno permesso di appurare episodi di corruzione realizzati dal professore con il concorso di rappresentanti di aziende produttrici di integratori e alimenti per neonati. Infatti, il medico, all’atto delle dimissioni dei pazienti prescriveva o indicava ai genitori i prodotti delle due aziende che incrementavano le vendite, ricompensando il sanitario con provvigioni in denaro o altri benefici. Denunciati altri 10 medici, di varie località italiane (province di Taranto, Bari, Potenza, Pescara e Teramo), a carico dei quali sono stati raccolti elementi che sono oggetto di ulteriori accertamenti, per valutare responsabilità corruttive nei loro confronti con il concorso degli agenti di zona. Le perquisizioni domiciliari hanno consentito di sottoporre a sequestro pc e documentazione d’interesse investigativo al vaglio dei Carabinieri del Nas di Pescara.