Tragedia a Foggia, esplode una palazzina. Il bilancio è di 2 morti e 4 feriti

È stato un boato spaventoso quello che ha scosso Foggia questa notte, poco prima delle 4. I piani bassi di una palazzina di sei piani, nel centro storico di Foggia, sono stati sventrati da una esplosione causata da una fuga di gas. Al momento il bilancio è di due morti e di quattro feriti, uno dei quali in gravi condizioni.


È stato un boato spaventoso quello che ha scosso Foggia questa notte, poco prima delle 4. I piani bassi di una palazzina di sei piani, nel centro storico di Foggia, sono stati sventrati da una esplosione causata da una fuga di gas. Al momento il bilancio è di due morti e di quattro feriti, uno dei quali in gravi condizioni. Tra le persone estratte vive dalle macerie c’è anche un bambino di quattro anni. Il piccolo è stato immediatamente portato in ospedale.

Le vittime sono Giuseppina Fiore, di 29 anni, e suo marito Luigi Veneziano, di 37 anni, entrambi di Foggia. I due sono i genitori di uno dei due feriti, un bambino di circa 4 anni che – secondo quanto si è appreso finora – avrebbe riportato alcune fratture. Le sue condizioni non sono gravi. Sono invece più serie le condizioni del secondo ferito, un anziano, Antonio Morelli, di 85 anni, che ha riportato gravi ustioni: l’uomo non sarebbe in pericolo di vita. Gli altri due feriti sono unfoggiaa coppia di coniugi che abita al primo piano dell’edificio. I soccorritori ritengono che sotto le macerie non ci siano altre persone. L’esplosione ha sventrato due appartamenti al piano terra dell’edificio. In uno abitavano le vittime con il loro bambino e nell’altro l’anziano. Sono state gravemente danneggiato altre due abitazioni al primo piano, in una delle quali abitano gli altri due feriti. Decine di auto che erano parcheggiate in strada, nelle vicinanze dell’edificio, sono rimaste danneggiate, alcune distrutte, dall’esplosione.

La famiglia Veneziano si era trasferita da poco, meno di un mese, nell’appartamento in via De Amicis, dopo aver fatto effettuare all’interno dell’abitazione alcuni lavori di ristrutturazione. E ieri aveva chiamato i tecnici del gas. “Ho sentito tutto – dichiara un vicino a l’Immediato -, mi sono affacciato al balcone e ho visto il disastro. Non conoscevo le vittime, ma mi hanno riferito che si erano trasferiti da poco tempo…”.
Decine di auto sosta nella via in cui si è verificata l’esplosione sono state danneggiate, alcune completamente distrutte. Il palazzo è stato evacuato e sono in corso rilievi tecnici per verificarne la stabilità.