Turisti sulle barche dei pescatori di Manfredonia, ora sarà possibile

Un progetto affascinante, quello approvato in questi giorni dalla Giunta Comunale di Manfredonia. L’intento è quello di attivare il percorso virtuoso del pescaturismo, ovverosia portare a bordo delle imbarcazioni dei pescatori, i turisti e mostrare loro come si svolgono le attività di pesca e, al contempo, effettuare escursioni della costa.

Un progetto affascinante, quello approvato in questi giorni dalla Giunta Comunale di Manfredonia. L’intento è quello di attivare il percorso virtuoso del pescaturismo, ovverosia portare a bordo delle imbarcazioni dei pescatori, i turisti e mostrare loro come si svolgono le attività di pesca e, al contempo, effettuare escursioni della costa.

L’Assessorato alle Risorse del Territorio e Sviluppo Economico ha valutato con attenzione l’occasione concessa dal bando del Gruppo di Azione Costiera “Gargano Mare” per favorire l’implementazione di strategie finalizzate alla realizzazione di un sistema di sviluppo in loco, basato sulle risorse locali ed in grado di valorizzarne le potenzialità produttive, le tipicità e le risorse. L’Amministrazione ha così scelto di candidare all’eventuale finanziamento quella che diventerà la Casa del Mare: una struttura deputata ad ospitare il Centro di Recupero delle Tartarughe di Mare (CRTM).

“Il Protocollo d’intesa, siglato tra le parti interessate a vario titolo nel progetto del Comune di Manfredonia (Centro Velico Gargano, Legambiente, Autorità Portuale, oltre che Comune di Manfredonia), è l’apprezzabile dimostrazione di come si possa collaborare proficuamente per la città ed ognuno da par suo”, constata l’Assessore Antonio Angelillis.

Il Centro Velico Gargano dispone, in concessione demaniale, di un immobile sufficientemente capiente per adibirne parte di esso a punto di attrattività singolare quale Centro di Recupero delle Tartarughe di Mare (CRTM), attualmente gestito da Legambiente, altro soggetto firmatario del Protocollo, in Lago Salso.

L’Autorità Portuale stessa, ai soli fini demaniali marittimi, si adopererà nel porre in essere la necessaria attività amministrativa istruttoria. Gli uffici tecnici comunali hanno provveduto alla redazione dell’apposito progetto che prevede, inoltre, la realizzazione di un prefabbricato sulla darsena, i lavori di adeguamento della cucina e dei servizi e quelli di adeguamento e ristrutturazione del magazzino.

“Manfredonia possiede tutte le potenzialità – dice il Sindaco Angelo Riccardi – per diventare un prodotto turistico ancora più appetibile, passando anche attraverso la tutela e la valorizzazione ambientale e naturalistica. Si realizza così un turismo alternativo, che è volto non solo a valorizzare la bellezza e le straordinarie risorse del mare, ma anche a favorire un corretto approccio alla natura, attraverso il diretto trasferimento di conoscenze, capacità e competenze degli operatori del settore”.

La pescaturismo raccoglie proseliti in tutta la Penisola e “Può diventare presto un’attività in grado di promuovere occasioni di sviluppo turistico, economico e sociale, mediante la realizzazione di un itinerario turistico che coinvolga i territori comunali dell’area GAC – conclude l’Assessore Angelillis – . Una scelta di reddito per i pescatori, veri e propri custodi di una tradizione millenaria, attraverso l’organizzazione professionale di nuove forme di fruizione turistica del mare”.