Il ruggito dell’Audace Cerignola spaventa il Catanzaro. I calabresi si salvano nel finale: 2 a 2

Il ds Di Toro: “I ragazzi hanno dimostrato di aver capito il valore di questo torneo, disputando una partita maiuscola”

Pontisso all’ultimo respiro evita al Catanzaro la prima battuta d’arresto stagionale e nega ad un buon Cerignola la terza vittoria consecutiva. Partono bene i calabresi di Vivarini che già dopo 11 minuti passano con Biasci, ma si fanno raggiungere da Malcore al suo terzo gol di fila. Nella ripresa le due squadre si controllano a vicenda prima delle fiammate finali di Coccia che porta in vantaggio il Cerignola e di Pontisso che salva l’imbattibilità del Catanzaro segnando all’ultimo secondo.

Sfuma a pochi secondi dal termine la gioia della terza vittoria consecutiva per il Cerignola che al cospetto del più blasonato Catanzaro stava firmando l’impresa. Malcore risponde a Biasci nel primo tempo, poi Coccia a tre minuti dal novantesimo completa la rimonta prima della beffa finale. Tuttavia un 2-2 importante. “Certamente – racconta il ds Elio Di Toro -, i ragazzi hanno dimostrato di aver capito il valore di questo torneo, disputando una partita maiuscola. Oggi siamo stati all’altezza di una squadra che vincerà il campionato. Siamo soddisfatti per la prestazione, anche se resta il rammarico per aver subito il pari proprio a pochi secondi dal fischio finale. Meritavamo di più, ma va bene cosi. Archiviamo la gara di oggi e pensiamo alla prossima trasferta di Monopoli”.



In questo articolo: