Sesso con minori in cambio di denaro e spinelli, arrestato un 62enne in Puglia. Tra le accuse la violenza sessuale

Prostituzione minorile e favori in cambio di prestazioni sessuali, condotto in carcere un uomo a Gravina

I poliziotti del commissariato di P.S. di Gravina in Puglia, hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misura cautelare emessa dal gip del Tribunale di Bari, richiesta della locale Procura della Repubblica, nella quale vengono riconosciuti gravi indizi di colpevolezza (accertamento compiuto nella fase delle indagini preliminari che necessita della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa) nei confronti di un 62enne, presunto responsabile dei reati continuati di violenza sessuale aggravata e prostituzione minorile.

L’attività d’indagine è stata avviata a seguito della denuncia delle due vittime che dal dicembre del 2021, raggiunta la maggiore età, hanno iniziato a collaborare con i poliziotti. Secondo l’impostazione accusatoria, accolta dal gip, allo stato (fatta salva la valutazione nelle fasi successive con il contributo della difesa) l’indagato avrebbe consumato reati di violenza sessuale aggravata quando le vittime erano ancora minorenni.

Il provvedimento scaturisce da un’intensa attività investigativa condotta dai poliziotti del commissariato di Gravina, da cui emergerebbero gravi indizi di colpevolezza a carico del 62enne: i numerosi testi escussi avrebbero pienamente corroborato e circoscritto i plurimi elementi indiziari a carico dell’arrestato, confermando l’attendibilità delle dichiarazioni rese dalle vittime. I riscontri sarebbero anche emersi dall’analisi dei numerosi tabulati telefonici tra i minori e il reo.

Dall’indagine emergerebbe che le vittime sarebbero state indotte a consumare rapporti sessuali dietro compensi di somme di denaro, sigarette, e/o sostanze stupefacenti (spinelli). Nelle scorse ore l’arrestato, rintracciato ed accompagnato negli Uffici della Polizia di Stato, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Bari, a disposizione della competente autorità giudiziaria la quale valuterà, nel contraddittorio con la difesa, gli elementi di prova raccolti a suo carico.



In questo articolo: