Foggia scatenato allo Zac! I rossoneri strapazzano il Catania: al fischio finale è 5 a 1

I padroni di casa straripanti superano in scioltezza i siciliani e si candidano ad essere protagonista nei playoff

È stata una settimana turbolenta quella vissuta dal Calcio Foggia 1920. Le dimissioni del patron Nicola Canonico, di suo figlio e dell’ad Carbotti hanno destato molte preoccupazioni nei tifosi, ma come spiegato in un comunicato stampa dal presidente rossonero, è stato solo un tecnicismo per ristabilire il Cda e non c’è alcuna intenzione di abbandonare il progetto Foggia. Sul campo, invece, i satanelli stanno attraversando un momento molto positivo e sono reduci da 2 vittorie. Il terzo successo consecutivo i ragazzi di Zeman lo cercano questo pomeriggio allo Zaccheria, dove affrontano il Catania. Il boemo lancia i “titolarissimi”: Dalmasso; Garattoni, Sciacca, Di Pasquale, Rizzo; Rocca, Petermann, Di Paolantonio; Merola, Ferrante, Curcio. Baldini, allenatore del Catania, dispone a specchio la sua squadra (4-3-3): Sala; Albertini, Monteagudo, Lorenzini, Pinto; Rosaia, Provenzano, Greco; Biondi, Moro, Russini.

La cronaca

Il Foggia passa in vantaggio dopo soli diciassette secondi: Petermann ruba un pallone in area avversaria e crossa per Merola che di testa sigla l’1-0. Al 7′ Petermann, molto ispirato, trova l’inserimento di Garattoni che, al volo, sfiora il 2-0. Al 10′ Curcio avanza palla al piede e tira dalla distanza, senza trovare lo specchio della porta. È solo il preludio al raddoppio rossonero: al 16′ Curcio dai trenta metri fa partire una sassata che bacia la traversa e cade alle spalle di Sala. Grandissimo gol del numero dieci del Foggia, tra l’altro ex della gara, che nell’esultare corre verso Zeman. La festa continua e al 25′ Ferrante da lontanissimo fulmina il portiere avversario con una conclusione potentissima. Si è giocato solo un quarto di gara e il Foggia è già in vantaggio 3-0. Al 33′ il Catania si fa vivo, ma Dalmasso si oppone benissimo al colpo di testa di Rosaia. La giostra delle emozioni non si placa e al 38′ anche Petermann si aggiunge al tabellino dei marcatori, segnando un bellissimo gol direttamente da calcio di punizione. Al 44′ lo Zaccheria esplode per la quinta volta: Rizzo crossa alla perfezione e in tuffo Merola di testa supera ancora Sala. Il Foggia disputa un primo tempo maiuscolo e asfalta il Catania: al riposo gli uomini di Zeman sono in vantaggio 5-0.

Al 62′ Zeman sostituisce Di Paolantonio, Curcio e Ferrante, al loro posto subentrano Garofalo, Rizzo Pinna e Turchetta. Al 76′ il Carania riparte veloce e Greco calcia sul primo palo, ma è attento Dalmasso a deviare in angolo. Un minuto dopo, Di Pasquale perde palla ingenuamente a limite dell’area e gli ospiti accorciano le distanze portandosi sul 5-1 grazie ad una deviazione sottoporta di Greco. All’86’ Zeman concede l’ingresso in campo anche a Vitali e Gallo che prendono il posto di Merola e Rocca. Proprio Gallo pochi istanti dopo va vicino alla rete, ma il suo tiro centra in pieno Vitali. La partita finisce 5-1. Un Foggia straripante supera in scioltezza il Catania e si candida ad essere protagonista nei playoff.



In questo articolo: