Troia, partito il bus per raggiungere i profughi ucraini. Saranno ospitati in un ex convento

Delegazione è in viaggio per raggiungere Medyka

Da questa mattina, il bus noleggiato dall’amministrazione comunale di Troia, con a bordo una piccola delegazione del Comune composta dal consigliere Urbano Di Pierro e dal volontario Emilio Curiale, è in viaggio per raggiungere Medyka e portare a Troia alcune decine delle migliaia di profughi ucraini. A Medyka, città della Polonia al confine con l’Ucraina, le organizzazioni internazionali hanno allestito un hub umanitario dove i profughi trovano mezzi di trasporto per raggiungere le destinazioni più diverse, in Italia e nel resto d’Europa.

Il bus del Comune di Troia, sia all’andata sia al ritorno nel tratto polacco e fino a Padova, sarà parte di una colonna mobile umanitaria allestita da Anas Italia (Associazione Nazionale di Azione Sociale) che opera in rete con decine di altre associazioni di volontariato.

A bordo del bus sono state stivate derrate alimentari, medicinali, coperte che, una volta consegnate, verranno inviate in Ucraina e destinate a chi non riesce a lasciare i luoghi di guerra. Il bus arriverà a Medyka domani mattina, 8 marzo; il rientro è previsto per il tardo pomeriggio di mercoledì, 9 marzo. A Troia i profughi saranno ospitati nell’Ostello del Cammino, ex convento di San Domenico, ed in caso di necessità sono state previste altre soluzioni.



In questo articolo: