Giallo su morte per Covid a San Giovanni Rotondo, famiglia denuncia: “Il giorno prima stava bene”

42enne era ricoverato per polmonite a Casa Sollievo, ha lasciato moglie e due figli. “Indagati 14 medici”

Tra i tanti morti per Covid 19 in provincia di Foggia, anche un 42enne di Peschici. È deceduto nell’ospedale di San Giovanni Rotondo dove era stato ricoverato a seguito di una polmonite. È ormai passato un anno dal triste episodio e ancora non si conosce la verità.

La chiede la famiglia che, attraverso il legale Giuseppe Falcone, ha denunciato il fatto alle autorità giudiziarie. “Il giovane peschiciano pur avendo contratto il virus non doveva morire. Fino al giorno prima della sua morte stava bene, parlava e scherzava con la moglie. Ecco perché reclamiamo giustizia. E’ passato un anno e stiamo ancora aspettando gli esiti dell’autopsia che inspiegabilmente non è stata ancora depositata nonostante i molteplici solleciti fatti al pm. La famiglia chiede solo giustizia, vuole sapere come è morto il proprio congiunto”.

Seguici anche su Instagram – Clicca qui