Ancora un nulla di fatto nel processo agli aggressori di Donato Monopoli. Attesa per la perizia su cause decesso

Imputati Michele Verderosa e Francesco Stallone, sospettati di omicidio aggravato dai futili motivi. Il fatto di cronaca risale alla notte del 6 ottobre 2018 nella discoteca “Le stelle”

Ancora un nulla di fatto nel processo ai due foggiani accusati di aver pestato e ucciso Donato Monopoli. L’udienza di oggi, nel Tribunale di Foggia, è stata rinviata all’1 marzo per una proroga sulla perizia che verrà depositata il 15 febbraio. Imputati Michele Verderosa e Francesco Stallone, sospettati di omicidio aggravato dai futili motivi di Donato Monopoli, giovane cerignolano aggredito nella discoteca “Le stelle” di Foggia. La vittima, picchiata la sera del 6 ottobre 2018 mentre tentava di difendere un amico, morì dopo circa sette mesi di agonia a causa delle gravi ferite riportate.

Il processo si sta dilungando dopo la decisione, presa in aula, di effettuare una nuova perizia. I professionisti, entrambi di Torino, dovranno verificare le cause del decesso di Monopoli. Pm, parti civili e difesa degli imputati hanno nominato, a loro volta, propri consulenti.
I quesiti attengono all’individuazione della causa della morte – che per i legali della famiglia di Donato Monopoli sarebbe già ampiamente acclarata da perizie precedenti – e alla riconducibilità delle stesse agli imputati ovvero alla verifica della sussistenza di eventuali concause.
“Nella speranza che la Giustizia che spetta di diritto al nostro caro Donato sia sempre più vicina”, hanno ribadito parenti e amici di Monopoli. Prossima udienza ad inizio marzo.

Ricevi gratuitamente le notizie sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come



In questo articolo: