Morte bimbi nel ghetto di Stornara, blitz delle forze dell’ordine: identificati (e controllati) tutti i migranti

Questa mattina è stato effettuato da personale della Polizia di Stato collaborato dall’Arma dei Carabinieri e dalla Guardia di Finanza, un accesso ricognitivo presso l’insediamento di cittadini di etnia ROM in località “Masseria Contessa”,  nel territorio del comune di Stornara.

In quel comprensorio, come noto, lo scorso 17 dicembre si è sviluppato per cause in corso di accertamento un devastante incendio che ha causato la morte di due fratellini bulgari, di due e quattro anni, sorpresi dalle fiamme nella loro dimora.

Sin dai momenti successivi al tragico evento, in più occasioni e con azioni d’intervento coordinate dalla Prefettura di Foggia – che ha costituito uno specifico gruppo di lavoro per il monitoraggio e la pianificazione di interventi presso gli insediamenti spontanei di migranti sul territorio provinciale – presso il campo ROM sono state effettuate delle bonifiche degli spazi comuni, con rimozione di rifiuti e dei  materiali di risulta presenti,  al fine di ripristinare le condizioni igienico-sanitarie ed ambientali del sito, anche mediante l’effettuazione di campionature del terreno per le successive analisi finalizzate alla verifica di eventuali contaminazione del suolo.

Dal punto di vista sanitario, l’attività di profilassi è stata condotta da personale della locale ASL che ha già proceduto alla somministrazione di vaccinazioni anti-covid, calendarizzando a breve altri accessi per continuare tali interventi  ed assicurare assistenza medica di prossimità.

All’odierno intervento hanno preso parte i servizi sociali del Comune di Stornara che, con l’ausilio della  Polizia Locale hanno proceduto alla verifica delle esigenze degli abitanti ed in particolare dei minori presenti, tutti riconducibili a nuclei familiari dimoranti presso il suddetto insediamento.

I migranti identificati, di nazionalità bulgara sono risultati in regola con gli adempimenti connessi alla permanenza sul territorio nazionale da parte di cittadini comunitari.

Seguici anche su Instagram – Clicca qui