Carabinieri donano giochi ai bimbi dell’ospedale di Cerignola. Visita al reparto pediatrico del “Tatarella”

Le festività natalizie sono giorni in cui l’Arma dei Carabinieri di Cerignola, oltre a garantire gli standard di sicurezza necessari per il particolare periodo dell’anno, svolgendo servizi antirapina, cerca di avvicinarsi alle future generazioni in particolare ai bambini e ai giovanissimi, ritenendo che anche così si costruisce passo dopo passo la legalità.

Il carabiniere, ma in generale l’appartenente alle forze dell’ordine, non deve essere visto solo come colui che arresta o sanziona, ma come una persona fidata alla quale rivolgersi per qualsiasi necessità. Questo è il messaggio che si vuole far passare nei giovani. Troppe volte in famiglia si dice ai bambini “non fare il cattivo altrimenti ti faccio arrestare dai Carabinieri”. Il Carabiniere è quello che arresta i cattivi, ma non solo.

Già il 16 dicembre sono state aperte le porte della caserma della Compagnia di Cerignola ai giovani della parrocchia SS Crocifisso di Cerignola. I ragazzi hanno potuto vedere gli ambienti di lavoro dei Carabinieri e i mezzi di servizio. In particolare la Centrale Operativa, luogo ove ogni giorno arrivano migliaia di chiamate di cittadini bisognosi e dove si gestiscono le varie emergenze sul territorio, oltre gli uffici e i mezzi della Sezione Radiomobile che garantisce il pronto intervento su tutto il territorio di competenza  della Compagnia Carabinieri di Cerignola.

Oggi, 24 dicembre, vigilia di Natale i Carabinieri la dedicano ai bambini del reparto pediatrico di Cerignola dell’ospedale “G. Tatarella” a cui sono stati donati vari giochi, per varie fasce di età e tra tutti non potevano mancare, anche la gettonata macchina dei Carabinieri. Un gesto di vicinanza ai piccoli pazienti dell’ospedale e delle rispettive famiglie a cui sono indirizzati i più calorosi auguri. I Carabinieri ringraziano il negozio “Bimbo mania” dove hanno proceduto all’acquisto dei doni.