Omicidio a San Severo, dimessi bimbo e 27enne feriti per errore nell’agguato. Tredici i colpi esplosi da almeno due sicari

La vittima era accovacciata su un gradino nelle vicinanze dell’autolavaggio che si trova in corso Leone Mucci

Tredici colpi esplosi con una calibro 9×21, di cui 11 andati a segno. Così è stato ucciso ieri pomeriggio per strada a San Severo Luigi Ermanno Bonaventura, commerciante d’auto 32enne e pregiudicato sanseverese.

Il giovane è stato colpito dai proiettili dalle gambe fino al volto. Era accovacciato su un gradino nelle vicinanze dell’autolavaggio che si trova in corso Leone Mucci quando è stato raggiunto da una macchina di colore scuro dalla quale è partita la pioggia di fuoco. Almeno due – ricostruiscono gli investigatori della squadra mobile – i sicari che hanno esploso le pistolettate.

Nell’agguato sono rimasti feriti di striscio, entrambi ad una gamba, un bambino di 12 anni che si trovava per strada e un dipendete dell’autolavaggio di 27 anni. I due, dopo le cure dei sanitari, sono stati subito dimessi. Nella notte i poliziotti hanno eseguito una decina di stub, esame che verifica la presenza di particelle di polvere da sparo su indumenti, mani e braccia a pregiudicati della zona. Compiute anche una trentina di perquisizioni sia personali che presso le abitazioni di malavitosi locali.



In questo articolo: