“Archeologia e legalità”, un laboratorio per conoscere i reperti ritrovati o trafugati. L’iniziativa dedicata a bambini tra 7 e 10 anni

Rientra nell’ambito del progetto “Stupore al Museo”

Cosa faresti se passeggiando ti imbattessi in un reperto archeologico? Ti chiederesti: a chi appartiene? Qual è la sua storia? a chi lo deve consegnare? Tante domande a cui prova a dare una risposta il divertente laboratorio interattivo promosso nell’ambito del progetto “Stupore al Museo”, che ha l’obiettivo di promuovere l’accessibilità, l’uso consapevole, la conoscenza dei beni culturali e degli istituti di cultura nei bambini e ragazzi fino ai 13 anni. Anche e soprattutto in questo momento storico in cui non si può accedere ai siti di interesse storici a causa delle restrizioni dettate dal Covid-19. Nel corso del laboratorio-gioco dedicato ai bambini tra 7 e 10 anni, ed ideato da archeologi e pedagogisti, sarà possibile scoprire cosa fare in caso di ritrovamento archeologico fortuito e conoscere le appassionanti vicende di alcuni famosi reperti della Daunia trafugati e poi riportati nel Museo Civico di Foggia e in altri musei della Puglia. Si parlerà, per esempio, della Tomba della Medusa di Arpi, dei Grifoni di Ascoli Satriano (foto in alto), ma anche dei bronzi di Punta del Serrone ritrovati a largo di Brindisi. Sfidandosi con Archeo-Quiz, indovinelli e gioco a squadre, quindi, i bambini diventeranno ambasciatori del patrimonio culturale.

E’ ancora possibile partecipare al laboratorio-gioco “Archeologia e legalità” online dedicato ai bambini tra 7 e 10 anni in programma sabato 17 aprile 2021 alle ore 16:30. L’evento è gratuito, i posti a numero limitato. Prenotazione obbligatoria su Eventbrite a questo indirizzo: https://bit.ly/Archeologia_legalita2

 “Stupore al museo” è finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito del progetto pluriennale “I musei raccontano la Puglia” e promosso dal Comune di Foggia, capofila dell’Hub culturale territoriale, e gestito dalla cooperativa sociale Frequenze col partenariato del Polo Biblio-museale di Foggia e UtopikaMente Aps che ha ideato il laboratorio-gioco “Archeologia e legalità”.

L’idea che si sta sviluppando, anche in questi mesi di pandemia attraverso la modalità a distanza, è quella di favorire la connessione dei musei e dei luoghi della cultura di Foggia per realizzare un programma sinergico e variegato di proposte rivolte ai più piccoli e alle rispettive famiglie. Quattro i siti culturali coinvolti nel progetto: Museo Civico di Foggia; Museo del Territorio del Polo Biblio-museale; Galleria d’Arte moderna e contemporanea del Polo Biblio-museale; Villa Comunale di Foggia. Il calendario di tutti gli appuntamenti del progetto “I musei raccontano la Puglia” viene comunicato sulla pagina facebook Frequenze e sui canali istituzionali e social del Comune di Foggia e dei soggetti partecipi dell’Hub e partner. Sulla piattaforma on line Eventbrite è possibile prenotare il proprio posto per laboratori e spettacoli on line.