Ritrovata a Roma la donna partita in treno da Foggia ma poi scomparsa. Per mesi era stata ospitata nell’abbazia di Pulsano

Aveva scelto di vivere un’esistenza tutta sua, lontana dai ‘rumori’ della vita contemporanea

“Ritrovata a Roma grazie a una spettatrice. Sta bene la donna partita in treno da Foggia il 13 febbraio e mai arrivata a destinazione. Riconosciuta e avvisata dell’appello a ‘Chi l’ha visto?’, ha chiamato il fratello, che poi l’ha rintracciata nella Capitale insieme all’inviata del programma”. È quanto riporta la trasmissione di Rai 3 sulla propria pagina Facebook. Dallo scorso 13 febbraio non si avevano più notizie di Elisa Macciocca, 51 anni, residente ad Alatri in provincia di Frosinone. Quel giorno Elisa, partita in treno intercity da Foggia, sarebbe dovuta arrivare alla stazione di Frosinone, dove ad attenderla c’era il fratello Fabio. Giustamente preoccupati i familiari che avevano denunciato la scomparsa ai carabinieri, interpellando in seguito anche la nota trasmissione televisiva nella speranza di ottenere informazioni o indicazioni.

Elisa da anni – riporta ciociariaoggi.it – ha scelto di vivere un’esistenza tutta sua, lontana dai ‘rumori’ della vita contemporanea, seguendo la sua propensione per la fede religiosa che l’ha portata a frequentare santuari e parrocchie in Italia e all’estero. Negli ultimi mesi, è stata ospitata presso il complesso monastico di Santa Maria di Pulsano, sul Gargano: da qui, dopo un malore, è stata ricoverata a Foggia, città dalla quale – come detto – è poi ripartita senza mai far ritorno in Ciociaria. I familiari di Elisa – riporta ancora la testata laziale – hanno sempre accettato il suo stile di vita, non ostacolandola ma rimanendo sempre attenti affinché non si trovasse in difficoltà o in stato di bisogno”.



In questo articolo: