Ladri d’auto scatenano inseguimento mozzafiato con i carabinieri di Foggia, beccate tre persone dopo il furto di una Fiat 500

Braccati dai militari al termine di una fuga sconsiderata e pericolosa che ha messo a repentaglio l’incolumità dei presenti in strada in quel momento

Attività di contrasto ai furti di autovetture senza sosta per i carabinieri del Comando Provinciale di Foggia. Questa volta a finire nel mirino delle “gazzelle” del 112 sono stati tre giovani, tutti del capoluogo dauno che la sera di mercoledì scorso hanno rubato una FIAT 500 bianca in una zona residenziale di Manfredonia, mediante l’utilizzo di strumenti da scasso, cacciaviti e guanti gommati per non lasciare impronte. Convinti di farla franca, i malviventi hanno percorso vie poco illuminate e lontane dal centro cittadino per eludere qualsiasi tipo di controllo da parte delle Forze di Polizia. Il dispositivo messo in campo dal Comando Provinciale Carabinieri di Foggia, ricevuta la segnalazione di furto da parte della Centrale operativa (a sua volta allertata dalla compagnia di controllo satellitare della 500) ha sin da subito cercato di chiudere ogni via di fuga ai tre, nel frattempo intercettati da una pattuglia del Pronto Intervento sulla SS673 a bordo di una Alfa Romeo 147 di colore nero con targa poco visibile e con evidenti segni di sfregamento causati verosimilmente dall’uso della cosiddetta tecnica “a spinta”. 

Dopo un inseguimento durato diversi chilometri, i tre foggiani, vedendosi ormai braccati e dopo una fuga sconsiderata e pericolosa che ha messo a repentaglio l’incolumità dei presenti in strada in quel momento, hanno abbandonato il veicolo rubato tentando la fuga per le strade rurali con l’unica auto in quel momento rimasta loro disponibile ma ad avere la meglio sono stati i carabinieri che, dopo qualche tempo, sono comunque riusciti a fermare i fuggitivi, già noti alle forze dell’ordine poiché gravati da numerosi precedenti specifici. Per i tre fermati è scattato subito l’arresto per rapina impropria e, come disposto dalla Procura della Repubblica di Foggia, gli stessi sono stati sottoposti alla misura precautelare degli arresti domiciliari presso le proprie abitazioni. L’autorità giudiziaria ha convalidato l’arresto e, successivamente, ha disposto la custodia cautelare in carcere per i tre indagati, i quali, al termine delle formalità di rito, sono stati condotti nel carcere di Foggia. Il conducente del veicolo, inoltre, è stato deferito in stato di libertà per guida senza patente.



In questo articolo: