Multe per mancato uso della mascherina a Foggia e provincia. Le forze di polizia presidiano le zone della movida

Continua l’attività di prevenzione e di controllo del territorio nelle sere del fine settimana nelle zone della movida. Nelle giornate di sabato e domenica, è stato svolto un servizio di prevenzione e controllo del territorio che ha visto coinvolte oltre al capoluogo, anche le città di Lucera, San Severo, Cerignola e Manfredonia. Nel dispositivo, oltre ad agenti della Polizia di Stato della Questura di Foggia e della Polizia Amministrativa, del Reparto Prevenzione Crimine, hanno partecipato anche militari della Guardia di Finanza, dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Locale.

Il dispositivo ha svolto principalmente un servizio anti-assembramento e ha vigilato sull’osservanza del distanziamento sociale, con particolare riferimento alle ultime ordinanze sindacali sul divieto di consumo di bevande e alimenti all’aperto e sull’estensione dell’obbligo dell’uso della mascherina. Inoltre, sono stati effettuati controlli su singoli soggetti, per riscontrarne l’eventuale obbligo di quarantena domiciliare disposta dall’autorità sanitaria.

Le attività di controllo su Foggia hanno interessato tutta la zona del centro, da Piazza Mercato a via Lanza, passando per corso Vittorio Emanuele e Piazza Umberto Giordano. Alla fine delle attività svolte, complessivamente sono state identificate 452 persone, sono stati controllati 63 veicoli ed elevate 13 contravvenzioni al codice della strada.

Inoltre, sono state elevate 9 sanzioni per violazione all’art. 4 c.1 D.L: 19/2020 e successive modifiche, in quanto i trasgressori non indossavano la mascherina. Tre di queste contravvenzioni sono state elevate a Foggia, mentre le altre nelle città della provincia.

Infine sono stati controllati complessivamente 29 esercizi commerciali. A Lucera, una persona è stata segnalata per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale.



In questo articolo: