Rubati televisori dall’ospedale di Lucera, erano stati donati. Zanasi: “Vergogna, conviene ripensare tutto”

“Questo il regalo di questa notte. Uno dei televisori regalatoci dal comitato ‘Io sto col Lastaria’, montato nella sala d’aspetto del reparto di Medicina per rendere meno pesante l’attesa dei parenti è stato ‘asportato’ da un figuro (non uso apposta il termine ‘persona’ per non offendere le tante persone di alto livello morale che ho avuto la fortuna di conoscere a Lucera)”.

Lo dichiara il dirigente del presidio, Massimo Zanasi. “Per fortuna un vigilante del plesso lo ha intercettato ed è riuscito a recuperarlo – racconta -. Vero è che questi episodi succedono ovunque, in tutto il mondo. Ma rubare una televisione in ospedale è come rubare la cassetta delle elemosine, in chiesa”.

“A questo punto bisogna ripensare le strategie, ridurre gli sforzi, fare una gestione minima, esclusivamente quotidiana, senza progettualità.
L’Ospedale è visto come estraneo alla collettività non della collettività (basterebbe vedere quanti visitatori fumano bellamente nei corridoi e nelle sale d’aspetto del Lastaria). Mi scuso io con il Comitato per l’accaduto – conclude -, a nome del pusillanime mentecatto autore del gesto. Che schifo! Che vergogna!”.





Change privacy settings