Lucera, controlli a tappeto nelle attività commerciali. Contestate infrazioni e segnalata alla Siae la titolare di un locale

Nelle ultime settimane, considerate le disposizioni di legge contenenti le misure di prevenzione e contenimento la diffusione del Covid-19, idonee per consentire la riapertura di tutte le attività produttive e commerciali, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Lucera,  unitamente alle altre Forze di Polizia presenti sul territorio e spesso anche con il prezioso aiuto di pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine “Puglia Settentrionale” hanno svolto, soprattutto durante i fine settimana, mirati servizi, nelle aree di maggiore interesse aggregativo, al fine di conciliare da un lato l’esigenza di contenere il rischio epidemiologico Covid 19 e dall’altro, l’esigenza di consentire la libera circolazione dei cittadini e il loro diritto di frequentare nuovamente i pubblici locali.

Ed infatti, in questo delicato bilanciamento dei diritti del cittadino il personale impegnato su territorio ha svolto una capillare attività di prevenzione e di comunicazione soprattutto verso i giovani al fine di motivarli verso comportamenti responsabili. Durante il periodo in esame, in cui vi è stata anche una rimodulazione degli orari di apertura e chiusura al pubblico dei pubblici esercizi di vendita e/o somministrazione di alimenti e bevande, sono state controllate oltre 250 persone, sono stati attuati controlli amministrativi a varie attività sottoposte ad autorizzazioni al fine di garantire il rispetto delle norme ed evitare qualsivoglia turbativa dell’ordine e della sicurezza. Infatti, tutti i servizi in argomento si sono svolti senza alcuna criticità, spesso con la collaborazione dei cittadini e dei commercianti. 

Nel corso dell’attività sono state contestate 9 infrazioni relative alla mancanza di autorizzazione all’occupazione di suolo pubblico o occupazione in eccesso ed inoltre è stata segnalata alla SIAE la titolare di un attività commerciale per violazione della relativa normativa.

È stata inoltre irrogata una sanzione di 553 euro, per violazione normativa Covid-19 nei confronti dell’organizzatore di una fiera allestita senza il rispetto delle linnee guida dettate dalla Regione Puglia per questo tipo di evento. 



In questo articolo:


Change privacy settings