Dietrofront su aperture di estetisti e parrucchieri in Puglia, dal Foggiano: “Ormai solo confusione nei cittadini”

Senza l’ok del governo, non potranno riaprire centri estetici e parrucchieri. L’ordinanza del governatore Michele Emiliano, dunque, non avrebbe nessuna efficacia. Proprio ieri era arrivata la precisazione della Regione Puglia: “L’ordinanza della Regione Puglia – ha spiegato il presidente -, come per chiarezza ho comunicato al ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, dispiegherà i suoi effetti dal 18 maggio in coerenza con i provvedimenti nazionali che saranno adottati nei prossimi giorni”.

Il presidente della provincia di Foggia, Nicola Gatta, ha dichiarato: “Si continua ad emanare ordinanze che non fanno altro che creare confusione nei cittadini. Attendiamo fiduciosi!”. Mentre il Movimento 5 Stelle ha accusato l’ex magistrato: “Emiliano si tradisce da solo, ammettendo tra le righe che l’ordinanza fatta ieri per la riapertura di barbieri, parrucchieri e centri estetici è in realtà solo uno spot. Che senso ha emanare un provvedimento del genere alle ore 21 del 7 maggio, per stabilire l’apertura il 18  maggio e oggi spiegare che comunque si riaprirà in coerenza con i provvedimenti nazionali e ‘nel pieno rispetto dei protocolli per la sicurezza dei lavoratori che saranno indicati dalle linee guida disposte dal Comitato Tecnico Scientifico e dall’Inail’? Non sarebbe stato meglio impiegare ‘l’approfondito lavoro’ del dottor Lopalco e degli altri tecnici, con tanto di sopralluoghi, verso altre urgenze legate al Covid? Il Governo sta lavorando per le riaperture, con linee guida precise e dettagliate su tutte le misure da adottare per garantire la massima sicurezza di addetti ai lavori e clienti. Fughe in avanti, inutili come da lui stesso implicitamente ammesso, generano solo confusione e di certo non servono ai pugliesi”.

 





Change privacy settings