Bagni Bonobo, vittoria in Corte d’Appello. La Biessemme di Francesco Romito ottiene il “controllo giudiziario” e può tornare ad operare

Il tribunale nominerà un proprio consulente che avrà il compito di “supervisionare” sulle attività della società. Felice l’imprenditore che su Facebook ha ringraziato chi gli è stato vicino

La Corte d’Appello di Bari concede il controllo giudiziario alla Biessemme srl di Francesco Romito. La decisione è giunta nelle scorse ore dalla Quarta Sezione Misure di Prevenzione, giudici Labellarte, Dibisceglia e Oliveri del Castillo. 

Una vittoria per i legali del giovane che si vedono accolta l’istanza di controllo giudiziario “con la conseguente sospensione – si legge in sentenza – degli effetti dell’informazione interdittiva antimafia adottata nei confronti della ditta”.

L’impresa può avere accesso alla misura del controllo giudiziario in quanto è stata riconosciuta l’estraneità del rappresentante legale, Francesco Romito, a contesti criminali della zona. Ciò vuol dire che il giovane imprenditore può tornare in possesso del noto stabilimento balneare Bagni Bonobo di proprietà, appunto, della Biessemme. L’attività era stata bloccata e posta sotto sequestro per presunte infiltrazioni mafiose.

Ora il tribunale nominerà un proprio consulente che avrà il compito di “supervisionare” sulle attività della società. Felice l’imprenditore Romito che su Facebook ha ringraziato tutti quelli che gli sono stati accanto “senza mai smettere di crederci”.



In questo articolo:


Change privacy settings