Roboante Cerignola, derby pirotecnico contro l’Andria al Monterisi. Audace vola nelle zone alte

Show e pioggia di gol in casa degli ofantini: la squadra di Feola conquista tre punti pesantissimi

Finisce con un pirotecnico 6-3 il derby tra Cerignola e  Fidelis Andria, grande prestazione dei gialloblù al Monterisi.

Cronaca. Mister Feola conferma il suo collaudatissimo 4-2-3-1 con Marotta-Longo-Sansone alle spalle di Rodriguez. Mister Lanzolla (in panchina al posto dello squalificato di Favarin) opta per il solito 3-5-2: Iannini in cabina di regia. Palazzo-Johnson in attacco. La partita parte subito con le marce alte e l’Audace a farla da padrona. Al terzo, cross radente di Marotta con la palla che attraversa tutta l’area e arriva sui piedi di Sansone: il tiro è respinto da Segantini. Al 9′ il Cerignola passa in vantaggio: Celentano duetta con Marotta e crossa per Rodriguez che la gira nell’angolino per l’1-0 gialloblù. Lo svantaggio non sveglia l’Andria e allora gli ofantini provano ad approfittarne con Rodriguez, Segantini respinge ma sui piedi di Marotta che non riesce nel tap-in. Il gol dell’esterno gialloblù però è solo rimandato e arriva al minuto 18. Russo recupera una buona palla sull’out sinistro, Coletti pennella al centro e Marotta la gira al volo lì dove il portiere ospite non può arrivare. 2-0. Palla di nuovo al centro e arria il tris: al 22′ Rodriguez raccoglie il cross del solito Marotta e con un tiro fortissimo sul primo palo fredda ancora Segantini. 3-0. Andria non pervenuta fino alla mezz’ora, poi qualcosa cambia: Siku sbaglia l’appoggio di testa e serve Palazzo che non perdona e batte Sarri. 3-1. Il difensore albanese, nell’occasione s’infortuna ed è costretto a lasciare il posto a Rosania. Il Cerignola risponde con il mezzo esterno di De Cristofaro: la palla pizzica la parte superiore della traversa e finisce sul fondo. La partita ora è viva con l’Andria che, al 40′ conquista un calcio di rigore per fallo di Rosania su Pallazzo. Dal dischetto Johnson non sbaglia e batte Sarri per il 3-2. Prima di andare negli spogliatoi Rosania riscatta il fallo da rigore, e sul corner di Marotta svetta più in alto di tutti firmando il 4-2. Half time.

La ripresa comincia ancora nel segno del Cerignola che ha il merito di chiudere subito la contesa. Al 47′ cross radente di Rodriguez, Segantini non intercetta e per Longo è un gioco da ragazzi segnare nella porta sguarnita. 5-2 Audace che non si accontenta e arriva poco dopo alla conclusione con Coletti: palla alta sopra la traversa. Nel finale, l’Andria trova con Stranges il gol del momentaneo 5-3 (82′) ma due minuti più tardi è ancora Audace. Rabona per crossare di Loioidice, la palla arriva sui piedi di De Cristofaro che dal vertice dell’area spara un gran tiro in porta che chiude la contesa sul 6-3 finale.

Grandissima vittoria del Cerignola: nono risultato utile consecutivo e  tre pesantissimi punti. Adesso testa alla trasferta di domenica prossima contro il Grumentum.



In questo articolo: