Più veloce della luce, Antonio De Sabato lascia Italia Viva. “Incompatibile con Possibili Scenari”

“A malincuore non ci sono più le condizioni ambientali per proseguire. Ma non sono motivazioni di organigramma, quanto piuttosto motivazioni di carattere personale. Di comune accordo con gli altri iscritti dell’associazione preferiamo dedicarci totalmente agli scopi statutari. Generalmente posso dire che c’era una certa diffidenza e l’attuale gestione del partito non ha dissolto i dubbi sul futuro del progetto Italia viva. L’onestà e la sincerità che contraddistinguono la nostra azione ci impongono la massima trasparenza”, dice rammaricato a l’Immediato Antonio De Sabato.

Più veloce della luce la presenza del leader di Possibili Scenari, primo dei non eletti di Senso Civico a Foggia, dentro la formazione di Matteo Renzi. Era andato alla Leopolda e aveva anche partecipato alla convention con Ettore Rosato da protagonista, lanciando la sua idea sulla commissione contro l’odio e la cittadinanza onoraria alla Senatrice Liliana Segre. Era uno dei pochi volti “nuovi”, arrivati da compagine civiche e non in cerca di una nuova vita rispetto alla vecchia casa del Partito democratico.

Ma ora annuncia con un comunicato la sua decisione di abbandonare Italia Viva. “In relazione alla mia adesione al progetto politico di Italia Viva, cui in questi due mesi ho offerto il mio impegno e contributo, faccio presente che, allo stato, gli impegni professionali unitamente a quelli legati alla presidenza dell’associazione, mi impediscono di continuare a condividere sia le azioni politiche che la stessa adesione al movimento. Intendo dedicare le mie energie, il mio entusiasmo e il mio tempo libero alla realizzazione degli scopi statutari dell’associazione – che mi coinvolgono emotivamente e in maniera utile per la collettività – e a quei settori della società che più sento vicini e in sintonia con i miei ideali. Ringrazio chi mi ha dato fiducia durante la mia breve esperienza e auguro a tutti una buona fortuna per il prosieguo e il successo dell’attività politica intrapresa in Italia Viva”.





Change privacy settings