Legalità, nasce presidio “Ultimi Gargano”. In prima linea il prete anticamorra, don Aniello Manganiello

Appuntamento giovedì 12 dicembre, alle 18, presso l’Auditorium di Palazzo Celestini

Giovedì 12 dicembre, alle 18, presso l’auditorium di Palazzo Celestini, si svolgerà la presentazione del presidio “Ultimi Gargano” di Don Aniello Manganiello. L’evento prevede gli interventi di Raffaele Grassi (prefetto di Foggia), Padre Franco Moscone (arcivescovo di Manfredonia, Vieste e San Giovanni Rotondo), Pietro Paolo Mascione (vicepresidente Nazionale Associazione “Ultimi”) e Don Aniello Manganiello (fondatore associazione “Ultimi”). La discussione sarà introdotta e moderata da Michele Illiceto (docente di Filosofia) e da Stefania Consiglia Troiano (referente di Rete Smash). Il presidio, in coerenza con la mission dell’associazione, non sarà legato a nessun movimento politico e avrà tra le competenze specifiche la promozione di una cultura che valorizzi la legalità, la giustizia e la solidarietà. La costituzione del presidio sul Gargano si è concretizzata grazie al contributo di un gruppo di persone fortemente motivate a risollevare le sorti della città e dietro la spinta del vice presidente nazionale di ‘Ultimi’, Pietro Paolo Mascione, agente della Polizia di Stato di origini foggiane e figlio di una persona che fece la storia della Milano degli anni ’70, in quanto uomo del generale Carlo Alberto dalla Chiesa.

L’associazione “Ultimi” nasce nel 2012 ed ha presidi in varie regioni, per volontà di don Aniello Manganiello, prete anticamorra che opera da oltre vent’anni a favore degli ultimi, con l’esplicito obiettivo di “offrire una testimonianza sull’anticamorra, non quella dei professionisti ma quella delle opere”. In alcuni dei suoi interventi don Aniello asserisce “che nessuno è irrecuperabile” e che anche in una situazione di estremo disagio come quella di Scampia, esiste sempre la possibilità di operare un riscatto e tante sono state le occasioni di riscatto da lui registrate.