Volontari manfredoniani in Albania: “Serviti pasti caldi e assistenza. Ma la gente vuole dormire in auto”

“C’è ancora tanto da fare. Un po’ di reticenza nell’accogliere ospitalità. Domani altre partenze verso Durazzo”, ha commentato il presidente Perillo

Sono 120 i volontari della colonna mobile regionale di Protezione civile pugliese, che nelle scorse ore hanno raggiunto l’Albania per dare sostegno alla popolazione colpita dal terremoto.
I volontari fanno parte della P.A.S.E.R. Manfredonia, gruppo di Protezione Civile appartenente al Coordinamento Provinciale di Foggia, e sono stati accompagnati dal presidente Matteo Perillo sul traghetto partito dal porto di Bari martedì notte alle 3. “Sarei dovuto partire anche io ma per impegni sto coordinando da lontano gli interventi – racconta il presidente a l’Immediato -. C’è tanto ancora da fare. Molta gente preferisce dormire nelle proprie automobile, c’è un po’ di reticenza per quanto riguarda l’ospitalità offerta dai volontari. Peraltro la postazione sul porto non è ancora piena”, ha continuato.

Danilo Campanaro, vice di Perillo, nella tendopoli allestita a Durazzo ha il compito di curare e coordinare la cucina mobile donata dall’AVS di Trinitapoli. “Stanno servendo circa 100 pasti al giorno – spiega Perillo -. I volontari stanno offrendo assistenza alla popolazione e supporto alla logistica. Alcuni sono rientrati mentre altri sono in partenza domani”.
Gli sfollati con particolari necessità sono stati sistemati dal governo albanese in alcuni hotel della città.

Curiosità. Quello tra Manfredonia e l’Albania è un legame atavico, che affonda le sue radici addirittura al periodo stesso in cui la città fu fondata. Re Manfredi, infatti, dopo aver sposato in seconde nozze Elena di Comneno, fu proclamato re di Albania. Non solo, diverse famiglie di Manfredonia, per via di scambi commerciali consolidatisi nei secoli, sono di origine albanese, come una tra le più nobili ed importanti, quella dei De Florio, che ha contribuito con le sue vicende a fare la storia della città.





Change privacy settings