Botte nel centro storico di Foggia, aggrediti mamma e suo figlio minorenne per una zanzariera

Momenti di tensione in un’abitazione a piano terra. Grazie ad una segnalazione è accorso sul posto un equipaggio della volante della Questura

Intorno alle ore 13 di ieri, un equipaggio della volante della Questura di Foggia è intervenuto in un’abitazione in centro storico per una segnalazione di aggressione. Vittime una donna di 38 anni ed il figlio minorenne, entrambi abitanti in un appartamento a piano terra. La donna ha riferito che, poco prima dell’arrivo dei poliziotti, un uomo, conosciuto dal figlio, è entrato nella sua abitazione inveendo, con insulti e minacce, nei suoi confronti e verso lo stesso ragazzo.

L’uomo ha anche spintonato la donna, facendola cadere a terra. II figlio intervenuto in suo soccorso è stato colpito al viso da un violento pugno che gli ha procurato ferite al volto e la rottura degli occhiali da vista, Sul posto il 118 che ha provveduto a prestare soccorso medico a madre e figlio. Entrambi, impauriti, hanno raccontato che l’aggressore sospetta che il ragazzo abbia danneggiato una zanzariera della sua abitazione. A conclusione degli accertamenti, l’aggressore sarà denunciato all’autorità giudiziaria.



In questo articolo:


Change privacy settings