Tre tappe in Puglia per il Giro d’Italia, grande attesa a Vieste. Piemontese e Nobiletti: “Un orgoglio”

Nella città del Pizzomuno, nel 1979, Beppe Saronni vinse la carovana rosa

“In un lungo e appassionante fine settimana in rosa il Giro d’Italia 2020 abbraccerà davvero tutta la Puglia, da Taranto a Vieste”. Lo ha detto l’assessore regionale allo Sport per Tutti, Raffaele Piemontese, a Milano, negli studi Rai, dove, poco fa, è stato svelato nel dettaglio il tracciato del Giro d’Italia 2020. In Puglia il Giro arriverà al termine della prima settimana, “quando, secondo gli esperti con cui abbiamo lavorato, gli ascolti TV si prevedono essere più alti e maggiori le presenze di pubblico sulle strade”, sottolinea Piemontese, presente all’evento di presentazione insieme ai sindaci di Giovinazzo Tommaso Depalma e di Vieste Giuseppe Nobiletti, e agli assessori allo Sport del Comune di Brindisi Oreste Pinto e del Comune di Vieste Dario Carlino. Sono i tre comuni dove la carovana rosa farà tappa, grazie a un sostegno economico della Regione Puglia di 300 mila euro, a cui si aggiungono i 100 mila euro investiti complessivamente da Brindisi, Giovinazzo e Vieste.

Sabato 16 maggio 2020, l’ottava tappa del Giro partirà dalla Calabria e, dopo 216 chilometri, arriverà a Brindisi passando per Taranto. La successiva domenica 17 maggio, i ciclisti affronteranno la nona tappa da Giovinazzo, in provincia di Bari, per risalire fino allo spettacolare traguardo di Vieste, in provincia di Foggia, dopo ben due Gran Premi della Montagna a Monte Sant’Angelo e in località Coppa Santa Tecla, nel territorio di Vieste.

“Ma il tocco magico di un evento sportivo, televisivo e social diventato davvero internazionale, sia per audience multimediale l’anno scorso di 790 milioni di spettatori globali, che per numero di turisti e spettatori che si spostano lungo il percorso, toccherà anche altre città e località pugliesi – aggiunge l’assessore regionale allo Sport per Tutti –, che avranno l’opportunità di valorizzate le bellezze del nostro territorio su una piattaforma che distribuisce contenuti in 198 Paesi del mondo, con tecnologie sempre più avvincenti”.

Il Giro d’Italia 2020, infatti, oltre alle tappe di Brindisi, Giovinazzo e Vieste, toccherà 22 città e località pugliesi: Marina di Ginosa, Palagiano, Lido Azzurro, Taranto, San Giorgio Jonico, Carosino, Francavilla Fontana, Latiano, Mesagne, Molfetta, Bisceglie, Trani, Barletta, Margherita di Savoia, Zapponeta, Ippocampo, Manfredonia, Monte Sant’Angelo, Mattinata, Baia delle Zagare, Coppa Santa Tecla e Pugnochiuso“Uno straordinario atlante delle bellezze del nostro territorio – ha concluso Piemontese – che farà accrescere l’attrattività complessiva della Puglia e stimolerà tante persone a inforcare la bicicletta per fare sport all’aria aperta”.

Il Giro d’Italia ha fatto tappa nella città del Pizzomuno nel 1979 con la vittoria di Beppe Saronni il quale si impose anche nella cronometro a squadre del 1988 con la Del Tongo Colnago.

Negli studi Rai di Milano, c’erano anche il sindaco di Vieste, Giuseppe Nobiletti, e l’assessore allo Sport, Dario Carlino. “Ora è davvero ufficiale. Vieste dopo ben 32 anni torna ad ospitare una tappa del Giro. Per noi tutti è un grande motivo d’orgoglio. Il connubio sport-turismo è tra le priorità dell’amministrazione comunale, e la tappa si svolgerà di domenica quando nella nostra città si respira già aria di vacanze. Faremo il massimo per farci trovare pronti e offrire al pubblico presente, ma soprattutto ai milioni di spettatori che seguiranno l’evento in mondovisione, il meglio della città. Alzare il sipario della stagione estiva con questo grande evento, per Vieste significa consolidare il ruolo di capitale turistica dell’intera regione. È doveroso – ha aggiunto il sindaco ringraziare la Regione Puglia e l’assessore Piemontese che anche quest’anno ha fortemente voluto che una delle due tappe pugliesi arrivasse sul Gargano”.



In questo articolo:


Change privacy settings