Foggia a Nocera, rossoneri attesi da un clima rovente. Corda: “Sarà una trappola, andiamo a vincere”

Il San Francesco sarà tutto rossonero: salernitani davanti al proprio pubblico e pugliesi con tifosi al seguito dall’altra. Alle 15 torna la sfida tra due storiche rivali del calcio del sud

Sarà difficile trattenere gli animi domani al San Francesco d’Assisi di Nocera Inferiore, dove il Foggia farà tappa per la terza giornata di Serie D. Quella in terra salernitana è una delle sfide più attese ed infuocate della stagione. Trasferta libera per 400 tifosi dei rossoneri che, dalle 15,  porteranno il loro supporto alla squadra di Corda.

Dopo la prima vittoria contro l’Agropoli, il Foggia cercherà di portare a casa un altro bottino pieno. Tre al momento le capoliste a quota 6: Bitonto, Fasano e Brindisi. Partirà ufficialmente domani anche il campionato dell’Audace Cerignola, dopo la proroga di due settimane concesse a causa dell’attesa dei ricorsi per il ripescaggio (con esito negativo) in C.

L’analisi del mister. “Da domani pretendo che in campo ci siano ulteriori miglioramenti, il tempo di lavoro è ancora poco ma la squadra sta recependo bene le mie richieste – ha confessato il tecnico Ninni Corda alla vigilia del match -. A livello mentale c’è più entusiasmo dopo la vittoria contro l’Agropoli. Crescono anche le competizioni durante gli allenamenti. Da questo punto di vista c’è sicuramente una crescita”.

Che partita sarà? “Quella di Nocera può essere per noi una trappola, abbiamo visto lo striscione che ci hanno dedicato nelle scorse ore (Foggia merda, ndr). Ci sarà un ambiente caldo – prosegue -. Intanto dal punto di vista dell’impegno il gruppo è unito. Loris Tortori si è unito a noi in settimana, mi ha sorpreso in positivo, è pronto soprattutto a livello mentale”.

Giornata pro Nocerina. Il club salernitano in occasione della gara contro il Foggia ha annunciato la giornata rossonera. “Per loro è la partita della vita – ha continuato Corda -. Dobbiamo essere concentrati ed attenti per oltre 90 minuti. Mi aspetto una partita piena di insidie. Il Foggia deve andare a vincere imponendo mentalità e gioco, senza aspettare l’avversario. Dobbiamo aggredirli da subito e fare nostra la partita – ha continuato il trainer -. Non devono esserci passi falsi ma accelerazioni contro una squadra ben compatta in difesa e che ha subito poco in queste prime due giornate”.