Mister Corda e Felleca chiedono tempo: “Il vero Foggia prima o poi verrà fuori. Mancini non ha retto le pressioni”

Domani alle 15 il debutto in campionato allo Zaccheria. “Gruppo carico dopo la deludente prestazione di Fasano”. Le dichiarazioni del presidente e del neo allenatore

Il Foggia è pronto al debutto in campionato allo Zaccheria contro l’Agropoli. Dopo il brutto k.o. a Fasano domani alle 15 l’occasione del riscatto davanti al proprio pubblico che, anche in questa stagione ha risposto alla grande sottoscrivendo 4mila abbonamenti. “Avevamo già iniziato il lavoro sul campo con Ninni. A livello societario non è cambiato molto, il tecnico riprenderà il suo lavoro dalla panchina – ha spiegato il presidente Roberto Felleca -. I nostri giocatori non sono intoccabili ma direi a tutti di aspettare con i giudizi perché molti di loro hanno giocato in categorie superiori. Ora hanno solamente bisogno di tempo per integrarsi e far gruppo. Mi dispiace che si dica che nel mio Foggia non c’è qualità, abbiamo fatto sacrifici economici e non solo per essere qui. A Fasano è stata una partita sbagliata” – le parole del presidente rossonero -.

Corda, risolte le pratiche burocratiche in Federazione per il passaggio da direttore tecnico a quello di allenatore, come svolto in passato, siederà in panchina. “Si è lavorato per 25 giorni ma è chiaro che per l’organizzazione di gioco siamo venuti meno – ha spiegato -. A Brindisi ci si è esaltati troppo, una squadra come il Foggia non può fare una prestazione come quella con il Fasano. Mi assumo tutte le responsabilità, c’erano troppi giocatori senza condizione fisica e l’approccio iniziale è stato devastante. Avremo contro delle squadre avvelenate tutto l’anno e noi non dobbiamo più essere così scarichi”.

L’addio di Amantino Mancini. “Ho cercato di convincerlo in tutti i modi, ma forse l’impegno chiesto dalla piazza e dalla società alla sua prima esperienza da allenatore non gli ha permesso di proseguire il percorso con serenità” – ha motivato Corda -. Mercato. “Si fanno tanti nomi, al momento siamo quelli che siamo. Se arriverà qualcuno lo vedrete nelle prossime settimane”.

Domani alle 15 il debutto in campionato allo Zaccheria. “Con l’Agropoli dobbiamo fare una grande partita, è una squadra in buona condizione – ha chiosato l’allenatore -. Spero che anche domani il pubblico sia dalla nostra parte, come in Coppa Italia. Ci vuole ancora pazienza per vedere la squadra che vorremmo. In settimana ho visto il gruppo molto carico”.