Potenza libero torna a parlare: “Legalità uno stile di vita”. E annuncia un comizio per incontrare cittadini e stampa

Lettera del sindaco di Apricena dopo l’annullamento dell’ordinanza con la quale il gip aveva disposto l’arresto per lui e altre due persone. “Ho molte cose da dirvi”

“Carissimi, qualche ora fa mi è stata notificata l’ordinanza del Tribunale della Libertà di Bari che annulla quella del gip di Foggia, perché non ci sono indizi di colpevolezza”. Inizia così la lettera del sindaco di Apricena della Lega, Antonio Potenza che poche ore fa ha ritrovato la libertà dopo l’arresto nell’operazione “Madrepietra”. 

“Abbiamo sofferto tutti – ha aggiunto –, ma come sempre con la coscienza a posto continuiamo ad andare avanti. Questa sera alla ore 21.30 in Piazzale Andrea Costa farò un pubblico comizio, per parlare come sempre a tutti voi, con trasparenza, onestà e legalità.
Noi non ci nascondiamo, anzi ci mettiamo sempre la faccia perché la legalità è uno stile di vita e non uno slogan. Ho molte cose da dirvi. Riappropriamoci della nostra serenità e continuiamo ad amare insieme Apricena. Vi aspetto numerosi. Facciamo girare l’invito”.

C’è anche un “post scriptum” per la stampa: “L’invito è rivolto anche a tutti gli organi di informazione, soprattutto alle testate giornalistiche e televisive nazionali che nelle scorse settimane hanno dato molto risalto a questa vicenda. Anche a loro ho un po di carte da far visionare”.



In questo articolo: