Strage di migranti sulle strade del Foggiano, il ricordo di Emiliano: “Puglia terra di accoglienza”

Esattamente un anno fa, tra il 4 e il 6 agosto, sedici lavoratori agricoli hanno perso la vita in due terribili incidenti stradali nelle campagne della provincia di Foggia. Viaggiavano in condizioni estreme e inaccettabili

Esattamente un anno fa, tra il 4 e il 6 agosto, sedici lavoratori agricoli hanno perso la vita in due terribili incidenti stradali nelle campagne della provincia di Foggia. Viaggiavano in condizioni estreme e inaccettabili. “Li voglio ricordare leggendo i loro nomi uno per uno – ha dichiarato il governatore pugliese, Michele Emiliano -, perché dietro ciascuno di essi c’è una storia che è stata spezzata. E li voglio ricordare mostrandovi, con grande emozione, le prime immagini che ci arrivano in queste ore da quelle stesse campagne, immagini a dir poco storiche per il territorio pugliese. Come vedete decine di braccianti stagionali stanno usufruendo del servizio di trasporto finanziato dalla Regione Puglia per raggiungere i campi. Non era mai accaduto prima. Un’azione concreta di legalità, sicurezza, rispetto della dignità umana”.

Non può esserci memoria senza impegno. Ecco le prime immagini del trasporto attivato per i lavoratori agricoli: atto concreto nel segno della legalità, sicurezza e rispetto della dignità umana.

Esattamente un anno fa, tra il 4 e il 6 agosto, sedici lavoratori agricoli hanno perso la vita in due terribili incidenti stradali nelle campagne della provincia di Foggia. Viaggiavano in condizioni estreme e inaccettabili. Li voglio ricordare leggendo i loro nomi uno per uno, perché dietro ciascuno di essi c'è una storia che è stata spezzata. E li voglio ricordare mostrandovi, con grande emozione, le prime immagini che ci arrivano in queste ore da quelle stesse campagne, immagini a dir poco storiche per il territorio pugliese. Come vedete decine di braccianti stagionali stanno usufruendo del servizio di trasporto finanziato dalla Regione Puglia per raggiungere i campi. Non era mai accaduto prima. Un'azione concreta di legalità, sicurezza, rispetto della dignità umana.Abbiamo destinato, infatti, 100mila euro più ulteriori 30mila in favore della Provincia di Foggia, 15mila euro per la Provincia di Lecce e 15mila euro per la provincia di Taranto al fine di garantire un servizio di trasporto pubblico per i lavoratori del comparto agricolo. È un piccolo inizio, ma di fondamentale importanza, per contrastare le dinamiche legate al sistema mafioso del caporalato, offrendo un'alternativa di legalità a lavoratori e aziende. Un percorso che tende al pieno riconoscimento dei diritti umani fondamentali nei confronti di migliaia di lavoratori. Stiamo costruendo un sistema virtuoso connesso alla filiera agroalimentare pugliese, che passa dalle foresterie sino al trasporto. Sono diverse le aziende che hanno aderito a questa iniziativa e stiamo lavorando incessantemente per coinvolgere tutti i datori di lavoro. Il loro ruolo è fondamentale, perché abbiamo bisogno delle mappe dei luoghi ove queste persone si recano giornalmente a svolgere il proprio lavoro. C'è la possibilità, infatti, di ulteriori stanziamenti di bilancio da destinare al servizio di trasporto. Essere terra di accoglienza significa, soprattutto, liberare questi nostri fratelli dalla drammatica piaga dello sfruttamento lavorativo dell’uomo sull’uomo. Dopo i tragici fatti dello scorso agosto non può esistere memoria senza impegno. Trasformiamo quel dolore insanabile in forza istituzionale e individuale per migliorare le cose.La Regione Puglia non dimentica Aladjie CEESAY, GambiaMoussa KANDE,Guinea BissauAmadou BALDE, Guinea BissauAlì DEMBELE, MaliAlagie CEESAY, GambiaAlasanna DARBOE, GambiaMusa TOURAY, GambiaLhassan GOULTAINE, MaroccoLachen HADDOUCH, MaroccoCammara BAFOUDI, Guinea ConakryRomanus MBEKE, NigeriaEbere UJUNWA, NigeriaEric KWARTENG, GhanaAnane KWASE, GhanaJoseph AWUKU, GhanaDjoumana DJIRE, Mali

Posted by Michele Emiliano on Tuesday, August 6, 2019

“Abbiamo destinato, infatti, 100mila euro più ulteriori 30mila in favore della Provincia di Foggia, 15mila euro per la Provincia di Lecce e 15mila euro per la provincia di Taranto al fine di garantire un servizio di trasporto pubblico per i lavoratori del comparto agricolo. È un piccolo inizio, ma di fondamentale importanza, per contrastare le dinamiche legate al sistema mafioso del caporalato, offrendo un’alternativa di legalità a lavoratori e aziende. Un percorso che tende al pieno riconoscimento dei diritti umani fondamentali nei confronti di migliaia di lavoratori. Stiamo costruendo un sistema virtuoso connesso alla filiera agroalimentare pugliese, che passa dalle foresterie sino al trasporto. Sono diverse le aziende che hanno aderito a questa iniziativa e stiamo lavorando incessantemente per coinvolgere tutti i datori di lavoro. Il loro ruolo è fondamentale, perché abbiamo bisogno delle mappe dei luoghi ove queste persone si recano giornalmente a svolgere il proprio lavoro. C’è la possibilità, infatti, di ulteriori stanziamenti di bilancio da destinare al servizio di trasporto. Essere terra di accoglienza significa, soprattutto, liberare questi nostri fratelli dalla drammatica piaga dello sfruttamento lavorativo dell’uomo sull’uomo. Dopo i tragici fatti dello scorso agosto non può esistere memoria senza impegno. Trasformiamo quel dolore insanabile in forza istituzionale e individuale per migliorare le cose.

La Regione Puglia non dimentica
Aladjie CEESAY, Gambia
Moussa KANDE,Guinea Bissau
Amadou BALDE, Guinea Bissau
Alì DEMBELE, Mali
Alagie CEESAY, Gambia
Alasanna DARBOE, Gambia
Musa TOURAY, Gambia
Lhassan GOULTAINE, Marocco
Lachen HADDOUCH, Marocco
Cammara BAFOUDI, Guinea Conakry
Romanus MBEKE, Nigeria
Ebere UJUNWA, Nigeria
Eric KWARTENG, Ghana
Anane KWASE, Ghana
Joseph AWUKU, Ghana
Djoumana DJIRE, Mali



In questo articolo: