Tutti in ospedale dall’agente investito a Foggia. “Sta meglio, a breve sarà individuato responsabile”

Ai Riuniti anche il prefetto Grassi per manifestare solidarietà al vigile rimasto ferito. Espresso vivo apprezzamento per l’attività quotidianamente svolta, con dedizione, professionalità e spirito di servizio, dagli operatori di polizia

L’agente di Polizia Locale investito ieri sera durante un controllo della pattuglia interforze sta meglio e al più presto lascerà l’ospedale di Foggia.
“Questa mattina – fa sapere il sindaco Franco Landella – sono tornato a fare visita al vicesoprintendente assieme al prefetto Raffaele Grassi, al questore Paolo Sirna e ai rappresentanti delle Forze dell’Ordine. Siamo sicuri che a breve sarà individuato il responsabile di questo grave gesto”.

Il prefetto ha manifestato solidarietà all’operatore rimasto ferito, esprimendo vivo apprezzamento per l’attività quotidianamente svolta, con dedizione, professionalità e spirito di servizio, da tutti gli operatori di polizia per assicurare la tutela dell’Ordine e la Sicurezza Pubblica nel territorio di questa provincia. Grassi ha inoltre assicurato l’impegno massimo per l’individuazione dei responsabili. “Fatto per il quale sono in corso serrate attività d’indagine”.

“A nome di tutta la UIL FPL esprimo solidarietà e vicinanza all’agente di Polizia Locale investito durante l’espletamento del proprio lavoro, insieme alle altre forze dell’ordine, avvenuto nella città di Foggia”. Lo dichiara in una nota il Segretario Generale della UIL FPL Michelangelo Librandi.

“Un atto vile e criminale che condanniamo con forza e ci spinge a continuare nella nostra battaglia volta a garantire sicurezza e adeguati diritti ai lavoratori della polizia locale. Negli ultimi mesi – prosegue Librandi – attraverso un lavoro incessante svolto dalla UIL FPL, sono stati raggiunti obiettivi importanti, quali il ripristino dell’equo indennizzo, la creazione di una specifica Sezione per la Polizia Locale all’interno del Contratto delle Funzioni Locali con la possibilità di valorizzare due nuove e specifiche indennità per il personale dalla Polizia Locale, e le ulteriori possibilità assunzionali in deroga all’ordinario turn over.

Ma non ci basta, la UILFPL pretende maggiori tutele sul piano previdenziale, assistenziale, giuridico ed economico accelerando i tempi di approvazione della legge di Riforma della Polizia Locale. Fondamentale è anche il potenziamento degli istituti volti a riconoscere la specificità della Polizia Locale, anche tramite lo sblocco totale dei fondi, da ottenere con l’eliminazione dei tetti a oggi vigenti, come ad esempio per le risorse finanziate ex-art. 208 del Codice della Strada”, conclude Librandi.