Minaccia poliziotti con un live su Facebook poi prova a corromperli con “diamanti”, in manette staniero irregolare a Foggia

Due volanti sono intervenute nel Quartiere Ferrovia, dopo una richiesta da parte di alcuni cittadini per una rissa tra extracomunitari. Poi le minacce dell’uomo

Nella giornata di ieri, agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti della Questura di Foggia e della Polizia Ferroviaria, nel corso del servizio di controllo del territorio, hanno arrestato Hamza Bazi, classe 1989 tunisino, irregolare sul territorio dello Stato, per resistenza aggravata a pubblico ufficiale, minacce, lesioni e tentata corruzione.

Verso le 18 due volanti venivano inviate dalla sala operativa, nel Quartiere Ferrovia, in quanto vi era sta una richiesta da parte di alcuni cittadini, per una rissa tra extracomunitari. Gli agenti giunti sul posto trovavano un poliziotto libero dal servizio,  che avendo assistito alla lite era in grado di dare indicazioni per l’identificazione dei soggetti coinvolti, che nel frattempo si erano allontanati. Dopo un giro di perlustrazione nelle strade adiacenti, individuavano uno dei soggetti coinvolti nella rissa, il quale alla vista della volante si avvicinava spontaneamente e si accasciava a terra probabilmente simulando un malore.

Immediatamente l’uomo veniva soccorso dall’ambulanza. Nel contempo un secondo uomo, poi identificato per Bazi cominciava ad inveire contro i poliziotti minacciandoli di morte, mentre riprendeva con il telefonino l’operatore delle volanti, asserendo che li stava postando in  “live” su Facebook. Dopo aver effettuato il presunto video, lanciava il telefono all’indirizzo di uno degli agenti, a quel punto i poliziotti, dopo aver ricevuto dall’uomo il rifiuto di declinare le proprie generalità, lo facevano salire a bordo dell’auto di servizio, con non poca difficoltà per via dei calci contro gli operatori.

Giunti negli Uffici della Questura, Bazi mentre si trovava nella sala d’attesa ingeriva un oggetto, difatti dopo poco, cominciava ad avere difficoltà respiratorie. Subito gli agenti si prodigavano per aiutare il predetto e dopo alcune manovre gli facevano espellere una vite metallica e riprendere così la funzione respiratoria. Subito dopo essere stato soccorso, improvvisamente Bazi cominciava ad aggredire gli operatori presenti con calci e pugni, tant’è che gli agenti erano costretti a fermarlo con i dispositivi in dotazione. 

Dalla Questura, a quel punto, hanno richiesto l’intervento dell’ambulanza, mentre l’accusato, avendo capito la gravità della sua situazione, tentava di corrompere un agente proponendogli dei diamanti se lo avesse fatto liberare. Al rifiuto perentorio dell’Agente, Bazi minacciava che gli avrebbe tagliato la gola.

Presso gli Ospedali Riuniti, al termine degli accertamenti sanitari, all’uomo veniva diagnosticata la presenza di un corpo estraneo nello stomaco e una volta dimesso, veniva tratto in arresto e condotto presso la locale Casa Circondariale a disposizione della locale Procura della Repubblica.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come