Pescatore colto da malore al largo del Gargano, il salvataggio ad opera della Guardia Costiera

L’intervento provvidenziale del personale militare della Motovedetta CP880

Nella serata di lunedì 18 febbraio, a seguito di segnalazione e su disposizione e sotto il diretto controllo del Comandante del Circondario Marittimo di Vieste, T.V. (CP) Giuseppe Saverio Zaccaro, è stata eseguita una evacuazione medica a favore di un marittimo imbarcato su di un peschereccio in transito a circa 8 miglia nelle acque prospicenti la costa nord garganica, colto da malore.

Il personale militare della Motovedetta CP880, dipendente dal Comando in intestazione, ha trasbordato il malcapitato e, una volta aver fatto ingresso presso il più vicino approdo, ovvero il Porto di Rodi Garganico, lo ha affidato alle cure del personale medico del 118, precedentemente allertato e prontamente giunto in banchina, per poi trasportarlo presso l’Ospedale sito in San Giovanni Rotondo, per gli ulteriori necessari accertamenti medici. Successivamente, la stessa CP880 ha scortato il peschereccio interessato fino all’ingresso nel Porto di Vieste.

“Si coglie l’occasione per ricordare – fanno sapere dal comando – che la partecipazione attiva dei cittadini (anche tramite il numero 1530) alle varie vicissitudini legate al mare risulta essere un ottimo contributo a preservare la vita umana in mare”.



In questo articolo: