100 metri di cavi di rame delle Ferrovie salvati dai “predoni” nel Foggiano. In manette 50enne

Il mirato monitoraggio della zona ha consentito di individuare persone intente a far buche nel terreno

Era stato denunciato dieci giorni fa dalla Polizia Ferroviaria di Foggia per aver tentato di trafugare nella stessa zona cavi di rame delle Ferrovie, e viene nuovamente arrestato per lo stesso reato.

Gli agenti della Polfer infatti, con il coordinamento del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Puglia, la Basilicata ed il Molise, avevano continuato a mantenere la stretta osservazione della zona “calda” dei furti, nell’ambito del territorio di Apricena, avvalendosi anche della fattiva collaborazione di personale di R.F.I. Protezione Aziendale.

Proprio il mirato monitoraggio della zona ha consentito di individuare persone intente a far buche nel terreno. L’immediata allerta ha dato la possibilità alla pattuglia Polfer di individuare una persona fuggire fra la vegetazione, inseguirla ed arrestarla per il furto aggravato di circa 100 metri di cavo F.S..

L’arrestato, cinquantenne, Nicola Marino risultava essere pregiudicato per precedenti specifici è stato associato presso la locale Casa Circondariale  a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.



In questo articolo:


Change privacy settings