Buck 2018 è “Pop App”: quando il libro cartaceo diventa digitale. Via al festival della letteratura per ragazzi

Presentata l’ottava edizione della manifestazione che ospiterà, dal 21 al 28 ottobre, laboratori creativi, spettacoli dal vivo, mostre, illustrazioni, visite guidate, letture animate, fiera dell’editoria e concorso letterario

Come leggono le nuove generazioni e quali strumenti utilizzano? È il tema su cui si incentra l’ottava edizione di Buck, il festival della letteratura per ragazzi organizzato annualmente dalla Fondazione dei Monti Uniti, in collaborazione con il Comune di Foggia/Assessorato alla Cultura e la Biblioteca “La Magna Capitana”. Dal libro stampato a quello digitale, in formato E-book: nonostante lo sviluppo di nuovi macchinari e tecniche di produzione, le statistiche rilevano che in Italia oggi si legge sempre di meno e la fascia più colpita è quella degli adolescenti.

Dal 21 al 28 ottobre la kermesse dal titolo “Pop App”, riunirà nel capoluogo dauno i più importanti autori ed illustratori della letteratura per l’infanzia e per ragazzi che incontreranno i lettori nelle ormai consolidate location cittadine: Pinacoteca “9cento”, Teatro dei Limoni, Piccolo Teatro Impertinente, Sala dei ragazzi della Biblioteca provinciale di Foggia, Parcocittà, Istituto “Marcelline”, Libreria Rio Bo e molte altre.

Oltre 100 appuntamenti tra laboratori creativi e spettacoli dal vivo, e poi, mostre, illustrazioni, visite guidate, letture animate, fiera dell’editoria e un concorso letterario. Obiettivo della manifestazione è anche quello di valorizzare i centri culturali e di socializzazione della città e di riavvicinarli ai cittadini, coinvolgendo scuole, famiglie e associazionismo. “È ormai un festival di respiro regionale e non solo locale – ha spiegato la direttrice artistica del festival, Milena Tancredi -. Abbandonare il cartaceo per l’iPad prima di andare a letto? No, assolutamente no. Riteniamo giusto indirizzarci ai ragazzi delle scuole medie perché è un’età molto particolare in cui molti di loro mettono da parte la lettura – ha continuato -. Non ci saranno solo incontri ma anche delle interviste agli autori, curate direttamente dagli studenti. Buck è partito già prima dell’estate con la distribuzione delle biografie, è un lavoro dunque, che dura tutto l’anno. Altri ragazzi invece, cureranno il blog del festival. Infine il 28 ottobre ci sarà la premiazione del concorso letterario ‘Storytelling’ (festa di chiusura aperta a tutti)”.

Silvia Bonanni, Massimiliano Tappari, Luca Novelli, Gabriele Clima: questi alcuni dei 33 nomi dell’edizione 2018, presentata questa mattina presso la Sala Fedora del Teatro Giordano. L’inaugurazione del festival si terrà domenica 21 ottobre con la mostra di Paolo d’Altan “Immagini oltre la carta”. Ore 10:30 al Palazzetto dell’Arte. La mostra sarà visitabile tutti i giorni, fino al 28 ottobre, dalle 9 alle 13 e dalle 17 alle 20. Dal 22 spazio ai laboratori per le scuole: “È un libro?” di Utopikamente; Libro di carta e il libro digitale”, di GiochEditoria; “APP and down”con la Piccola Compagnia Impertinente.

La manifestazione, che quest’anno gode del patrocinio gratuito del Teatro Pubblico Pugliese-Consorzio regionale per le arti e la cultura e dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia–Ufficio V– Ambito Territoriale per la provincia di Foggia, è sostenuta dalla Regione Puglia attraverso l’avviso pubblico riguardante le Attività Culturali per il triennio 2017-2019 e intitolato LEGGIAMO! (Letture Esperienze Giochi Girotondi Immagini Arte Mondi Orizzonti), finanziato grazie al Fondo di Sviluppo e Coesione 2014-2020, nell’ambito del “Patto per la Puglia” sottoscritto tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione. “Buck è diventato negli anni un festival corale – ha commentato l’assessore alla Cultura del Comune di Foggia, Anna Paola Giuliani -. Foggia è una città a misura di bambino. Ogni anno questa manifestazione può contare sulla partecipazione attiva di tanti bambini, sia piccoli che adolescenti”.

“Siamo tutti genitori e siamo preoccupati di tutti questi strumenti digitali. Sono un bene o sono un male? Dobbiamo contrastarli o assecondarli? Oppure ancora semplicemente rassegnarci?” – ha detto il presidente della Fondazione dei Monti Uniti, Aldo Ligustro -. Alla presentazione dell’ottava edizione di Buck hanno partecipato il presidente del Teatro Pubblico Pugliese, Giuseppe D’Urso, la dirigente dell’Ufficio Scolastico per la provincia di Foggia, Maria Aida Episcopo, i partner e i dirigenti scolastici degli istituti coinvolti. Intanto già da metà settembre è partito “Aspettando Buck”, l’iniziativa che anticipa il festival con altrettanti incontri, mostre e laboratori.