Infarto su un traghetto, uomini della Guardia costiera di Vieste salvano 50enne

Le condizioni meteo-marine favorevoli hanno consentito alla motovedetta CP880 di coprire le 25 miglia nautiche (50 Km circa) che la separavano dalla barca in poco meno di un’ora

Rapido intervento in mare coordinato dalla Guardia Costiera di Vieste per il soccorso di un passeggero colpito da malore a bordo di una nave traghetto. L’Ufficio marittimo è stato allertato nel tardo pomeriggio di oggi dalla Sala Operativa del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, a sua volta contattata da una motonave di bandiera greca in navigazione lungo l’Adriatico Centrale.

Le condizioni meteo-marine favorevoli hanno quindi consentito alla motovedetta CP880 di coprire le 25 miglia nautiche (50 Km circa) che la separavano dal traghetto in poco meno di un’ora.
Dalle prime informazioni comunicate via radio dal comando bordo si era nel frattempo appreso che il passeggero da soccorrere risultava essere un autotrasportatore albanese di 50 anni, che sembrava accusare un infarto miocardico acuto.

Dopo aver recuperato il malcapitato sulla motovedetta, si è proceduto con i motori a pieni regimi a far rientro nel porto di Vieste con il personale del 118 già presente in banchina per fornire le cure del caso.
Da rilevare la preziosa collaborazione prestata da un medico di nazionalità greca presente sul traghetto come passeggero, che ha assistito per tutto il tempo l’infartuato, finanche al suo trasferimento a terra.