Tre romeni fermati in stazione a Foggia, manette ai polsi per furto aggravato

L’immediato intervento degli agenti è stato fondamentale per sventare il furto

Nell’ambito di una vasta e pianificata attività di prevenzione e repressione di furti di cavi in rame ai danni di Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia, disposta dal Compartimento Polizia Ferroviaria per la Puglia, la Basilicata, ed il Molise, diretto dal Dirigente Superiore Luigi Liguori, gli agenti Polfer della Sezione di Foggia hanno sventato il furto di un ingente quantitativo di cavi di rame. Intomo alle ore 23,30 della scorsa sera sono stati segnalati al personale della Sezione Polizia Ferroviaria, quattro individui presenti sul primo marciapiede del 1° tronco nord (linea Foggia – Lucera) della Stazione, nei pressi di un pozzetto di deviazione cavi, intenti a tagliare gli stessi.

L’immediato intervento degli agenti (composto da tre dipendenti) ha evitato che i malfattori proseguissero nel loro intento. Questi ultimi, vistisi scoperti, si sono dati alla fuga ma prontamente inseguiti dal personale intervenuto, sono stati bloccati e tratti in arresto, nonostante opponessero resistenza, nella piazza antistante la stazione. Solo uno è riuscito a scappare. Dopo gli adempimenti di rito, i tre cittadini, tutti romeni e pluripregiudicati, M.G.C. di 27 anni, B.A.I. di 32 anni e B.F. di 21 anni sono stati arrestati per tentato furto aggravato in concorso di cavi di rame e resistenza a pubblico ufficiale e, così come disposto dal pm di turno, sono stati accompagnati in carcere e messi a disposizione dell’autorità giudiziaria competente, mentre personale tecnico di RFI ha ripristinato lo stato dei luoghi.



In questo articolo:


Change privacy settings