Cosa mangiano gli studenti fuori sede? “Athenaeum Tour” gira l’Italia con gustose ricette e consigli

Dopo il capoluogo dauno si continua il 27 a Bari, il 3 maggio a Napoli, il 14 a Torino, il 16 a Milano, il 18 a Bologna, il 21 a Roma e il 28 a Chieti

 I Cuochi Fuori Sede in giro per l’Italia con il progetto Athenaeum Tour. “Sarà un vero e proprio esperimento sociale per conoscere, vedere, fotografare e divertirsi” – spiegano Andrea e Valentina Pietrocola blogger de La cucina del Fuorisede (dal 2015) e organizzatori dell’evento in partnership con Granoro. “Gireremo la nostra bella Italia per raccontare la pausa pranzo degli studenti, scopriremo come si alimentano e nel caso daremo loro dei consigli sull’alimentazione e ci cimenteremo ai fornelli” – racconta a l’Immediato Valentina durante la presentazione della seconda edizione -. In questi giorni saremo anche coinvolti anche nella parte social di Libando, viaggiare mangiando e cureremo un laboratorio del gusto in programma sabato 21 aprile”.

Partecipa, scatta, vinci. “Athenaeum Tour sarà molto social: tutte le foto che saranno scattate parteciperanno ad un photo-contest e quella con più like vincerà un premio da parte di Granoro, main sponsor dell’iniziativa che in totale ha messo in palio nove ricompense. Scopo della seconda edizione è quello di veicolare la buona cucina – continua -, così come raccontiamo nel nostro blog: è importante nutrirsi non solo dal punto di vista fisico ma anche dal punto di vista dell’anima, magari con un bel piatto di pasta. Vogliamo far rivivere la convivialità agli studenti fuori sede, così come accade con genitori e amici. Oltre agli appuntamenti del tour, dal 7 al 10 maggio saremo al Cibus di Parma (Salone internazionale dell’alimentazione)”.

La Cucina del Fuorisede. “L’intento del blog è di dimostrare che lo studente fuori sede non è per forza il classico tipo che non sa fare la spesa ed è un incapace in cucina – spiegano -. La pagina raccoglie le ricette che da tre anni si sono accumulate nel tempo, permettendo, attraverso la condivisione e partecipazione di un momento basilare, di conoscere culture ed usanze diverse dalle nostre. Un piatto non si gusta solo con il palato, ma va assaporato con gli occhi. Le rubriche presenti favoriscono qualsiasi tipologia di richiesta da parte dei follower: ricette della tradizione, angolo sweety, ricette gustose, vegetariane, vegane e light. Seguendo i consigli si possono risparmiare fino a 100 € al mese”.

Sono otto le tappe previste: si parte da Foggia il 26 aprile e si continua a Bari il 27. Poi, durante il mese di maggio il 3 a Napoli, il 14 a Torino, il 16 a Milano, il 18 a Bologna, il 21 a Roma e il 28 a Chieti.

“Ho invitato tutti i miei studenti a partecipare a questa lodevole iniziativa – ha detto la professoressa Vittoria Pilone, coordinatrice del Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche e docente di Economia Aziendale e Marketing dei Prodotti Alimentari -. Si parla sempre più di cibo, tanto da essere stato sdoganato in tutte le salse, dai programmi televisi al web. Ho pensato che presentare il progetto nel nostro dipartimento fosse un’opportunità per noi che parliamo di cibo su più sfaccettature, dall’aspetto gastronomico alla produzione. Il cibo è il cuore pulsante del nostro territorio”.

“Con Andrea abbiamo discusso sin dalla nostra conoscenza a Roma Termini sull’importanza di creare un consorzio di esperienze rurali nella nostra città – ha spiegato il professore Antonio Stasi, docente di Economia ed Estimo Rurale presso la Facoltà di Agraria di Foggia e ideatore insieme a Giuseppe Savino delle contadinner di VaZapp -. Spesso utilizzare blog, discussioni, siti di comunicazione sono attività che servono come modello innovativo per un circolo virtuoso volto a creare nuove economie”. Alla presentazione, presso il Dipartimento di Scienze Agrarie, degli alimenti e dell’ambiente, Università di Foggia hanno preso parte anche Giuseppe Martelli, social media manager Granoro; Rino Porro, ufficio stampa Granoro e una delegazione di studenti.

L’iniziativa si rivolge non solo alle studentesse ma anche agli uomini: dall’organizzazione dei pasti, alla spesa, al risparmio fino al cibo avanzato. Tra i premi in palio, uno rappresentarà la Puglia con i tipici strascinati, mentre un altro l’Italia intera con spaghetti 2 minuti, proprio per andare incontro alle esigenze di tempo degli studenti nella preparazione del pasto. La prima edizione dell’evento, svoltasi nel 2016, ha fatto registrare 650Kcondivisioni, circa due mila studenti incontrati, oltre 1300 fotografie, +20K like. Media partner dell’Athenaeum Tour, che metteranno in palio dei premi, sono: Pop Corn, Saygood, Zon, Radio Nova Ions, FacceCaso, PR Communication.