Prime bocciature pentastellate nel Foggiano, le vittime del filtro di qualità di Grillo

Sono iniziate da poco le parlamentarie del MoVimento 5 Stelle, la votazione online e diretta da parte degli iscritti della nuova Associazione MoVimento Cinque Stelle. Si vota oggi martedì 16 gennaio e domani mercoledì 17 gennaio dalle ore 10 alle ore 21. Nel caso si creasse, per la grande partecipazione, l’effetto di coda virtuale ai seggi nelle ultime ore che potrebbe causare difficoltà ad accedere al sito, la scadenza sarà prorogata e sarà possibile votare dalle 10 alle 14 di giovedì 18 gennaio.

Almeno due le brutte sorprese stamani. Alcuni vecchi iscritti si sono ritrovati fuori dal portale o almeno hanno avuto molta difficoltà per accedervi. Senza una connessione superveloce il voto sarà una chimera. Chi può permettersi di stare collegato tutto il giorno in attesa di analizzare tutti i profili e i video caricati dagli aspiranti sempre che non ceda il sistema e riuscire faticosamente anche cliccare tre preferiti al Senato e tre alla Camera? Vien da fare battute alla Vincenzo De Luca.

Tutti i candidati, se qualcuno li ha già trovati, hanno accettato lo Statuto e il Codice Etico, che definisce “regole chiare per evitare i voltagabbana e gli approfittatori, e ne rispettano i prerequisiti”. Ma dalla Capitanata ci cono almeno 4 bocciature sicure. Non hanno superato il filtro di qualità Grazia Manna alla Camera e Giorgio Sernia, Luigi La Riccia, Sacha De Giovanni e Luigi Starace al Senato. Quest’ultimo è stato tra i più suffragati alle scorse regionali e potrebbe essere stato segnalato dagli stessi compagni pentastellati sipontini. Un brutto colpo mancino da parte loro.

“Politicamente c’è chi doveva liberarsi dei competitor più forti. Senza di me, Manna alla Camera e Sernia e Starace il gruppo foggiano ha vita facile. Il listino sarà tutto barese”, è il commento a caldo di un deluso La Riccia. L’andriese Giuseppe D’Ambrosio ha un gruppo compatto di sostenitori e dovrebbe vincere facile la sfida.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come





Change privacy settings