Campo sportivo a Sant’Agata di Puglia: “Impianto moderno e (finalmente) a norma”. Presto i lavori

Foto ‘Santagatesi nel mondo’

Una struttura moderna con un impianto idoneo e finalmente rispondente a tutte le normative sulla sicurezza degli impianti sportivi: è questo l’impegno che l’Amministrazione Comunale ha assunto nell’ultimo consiglio comunale in riferimento al campo sportivo comunale. Lo farà grazie all’erogazione di un mutuo di 770.000 euro ottenuto dall’Istituto per il Credito Sportivo. “Gli obiettivi dell’Amministrazione Comunale sono quelli di dotare il paese di un campo sportivo valido e confortevole, munito di tutti i requisiti propri di una struttura moderna ed attrezzata, e ridare così finalmente dignità ad un luogo fondamentale per il benessere e la salute dei nostri giovani – sottolinea il Sindaco Gino Russo -. Un luogo per anni tenuto nell’indifferenza più totale dalle passate amministrazioni, con strutture superate e neppure accatastate. Con il nostro progetto di interventi di ristrutturazione, adeguamento e messa a norma del campo Sportivo comunale ridaremo alla nostra comunità le giuste opportunità nell’ambito della pratica sportiva”. La vecchia struttura sportiva “San Carlo”, non risulta idonea alle direttive sulla sicurezza degli impianti sportivi e necessita di un ampio intervento di ristrutturazione ed adeguamento al fine di renderla moderna e rispondente alla norma.

Lo sport è importante per il benessere e la salute dei giovani – rimarca il primo cittadino -. Consolidare e promuovere la pratica di attività sportive in condizioni di sicurezza e con buone attrezzature è fondamentale al fine di offrire le condizioni per una sana crescita dei nostri ragazzi. E proprio in virtù di questo – sottolinea il Sindaco – ha stupito molto l’assenza della minoranza in occasione della delibera di questo importantissimo provvedimento grazie al quale finalmente Sant’Agata di Puglia d’ora in poi si presenterà con un livello di normalità e modernità nell’ambito delle varie attività e discipline sportive dei Monti Dauni”.