A pezzi la stele sui bombardamenti del ’43 a Foggia. “Maledetti a voi, barbari e incivili”

Distrutta, probabilmente durante i festeggiamenti per il nuovo anno, la stele dedicata a chi si impegnò contro i bombardamenti del 1943 a Foggia. A denunciare l’accaduto, postando la foto del monumento a pezzi su Facebook, Salvatore Onorati, presidente dell’Ordine dei medici locali.

“Qualche anno fa – ricorda Onorati – un gruppo di cittadini che si chiamarono gli amici della domenica (GAD) vollero rendere omaggio al ricordo di chi si impegnò per portare soccorso alla comunità martirizzata dai bombardamenti del 1943.
Riuscirono così a trovare chi in maniera gratuita rese concreto quel desiderio con due stele che furono messe a dimora in due aiuole all’ingresso della villa comunale.
Ieri in maniera altrettanto gratuita dei barbari incivili hanno dato fine a quel sogno concretizzato dalla buona volontà di chi voleva così far crescere il senso civico di una città che era, rimane e rimarrà ancora agli ultimi posti di tutte le classifiche del buon vivere.
MALEDETTI A VOI, signori barbari ed incivili che avete fatto questo!”, l’amara conclusione di Onorati.





Change privacy settings