Giallo di Amsterdam, si scava nel mondo della droga. Moglie Tucci denunciò scomparsa

Mentre dalle autorità olandesi ancora nulla trapela sull’identità del presunto assassino di Saverio Tucci, il giallo del pregiudicato di Manfredonia ucciso ad Amsterdam si infittisce. Innanzitutto non è chiara la data del decesso. L’uomo, 44 anni, sarebbe stato ammazzato tra il 12 e il 14 ottobre. La polizia locale avrebbe trovato il cadavere in un’auto, nella zona ovest della capitale olandese ma la notizia è stata diffusa in Italia dai carabinieri solo la mattina del 15 ottobre. Stando al legale della famiglia Tucci, la vittima si era recata ad Amsterdam pochi giorni prima del decesso, forse ospitata a casa di altro manfredoniano. “Non era in fuga, era tranquillo e non è affatto collegato ai recenti episodi di sangue sul Gargano”, le precisazioni dell’avvocato tese a smentire alcune ricostruzioni giornalistiche. Ma su Tucci pesa la contiguità con il clan Libergolis, da anni in conflitto coi Romito. Proprio questi ultimi colpiti lo scorso 9 agosto dall’uccisione del loro boss, Mario Luciano Romito.

Ma la presenza dell’uomo ad Amsterdam resta avvolta nel mistero. Stando alle ultime informazioni, la moglie era a conoscenza di un viaggio del coniuge in Belgio, per chiudere la compravendita di un’auto. In seguito, non essendo più riuscita a contattarlo, avrebbe denunciato la scomparsa alle autorità competenti. Tucci, infatti, era atteso in Italia entro martedì scorso. Inoltre l’uomo, di recente, era finito in un’informativa della polizia per faccende legate al traffico di stupefacenti. Proprio nel mondo della droga gli inquirenti stanno cercando tracce utili per risolvere il giallo, anche alla luce del fatto che Amsterdam rappresenta da sempre un canale di approvvigionamento di stupefacenti da parte della malavita foggiana.

Ricordiamo che proprio nel mondo della droga si vanno a inquadrare i precedenti del 44enne, scampato ad un agguato nel 2012 a Manfredonia, e condannato a 5 anni e 6 mesi per traffico di stupefacenti e riciclaggio nell’ambito del maxi processo alla mafia del Gargano scaturito dall’operazione Iscaro-Saburo. L’uomo patteggiò in appello. Sta ora alle autorità olandesi diffondere maggiori dettagli sull’identità del presunto assassino e sul trasferimento della salma di Tucci a Manfredonia.





Change privacy settings