Carabinieri setacciano l’Alto Tavoliere, un arresto. Sequestrati soldi e stupefacenti

Nel corso di questi giorni anche l’intera area dell’Alto Tavoliere, fino al Gargano, è interessata da una pressante e continua attività di controllo del territorio da parte dei militari dell’Arma. In particolare, l’attenzione dei Carabinieri della Compagnia di San Severo si è concentrata sulla cittadina di Apricena, dove sono state eseguite numerose perquisizioni nei confronti di soggetti già noti alle Forze dell’Ordine.

Proprio nel corso dell’operazione, i militari della Stazione di Apricena, supportati nelle attività dai rinforzi delle C.I.O. inviate in Capitanata, hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione di Antonio Bocola, classe ’84, censurato. I militari hanno fatto irruzione nell’abitazione dell’uomo alle prime ore del mattino di ieri, e all’esito di una minuziosa perquisizione hanno rinvenuto circa 200 grammi di marijuana, in parte già confezionata in dosi e pronta per essere venduta, circa 400 grammi di hashih, 3 coltelli a serramanico nonché tutto il materiale per il taglio e confezionamento della droga. Inoltre, i Carabinieri hanno anche recuperato un giubbotto antiproiettile del modello in uso alle guardie particolari giurate e provvisto di etichette identificative, oltre alla somma contante di circa 3.000 euro, tutte in banconote di piccolo taglio e verosimilmente provento dell’attività di spaccio. L’uomo, dichiarato in stato di arresto, è stato condotto presso il carcere di Foggia.



In questo articolo: