Auto rubate e bruciate a Foggia, il ritrovamento della polizia in aperta campagna

Nell’ambito dell’attività di perlustrazione ad ampio raggio volta a contrastare il fenomeno delittuoso dei furti di auto che si verificano nella città di Foggia e la successiva attività di riciclaggio caratterizzata dallo smontaggio dei pezzi, per essere rivenduti sul mercato nero dei pezzi di ricambio, un equipaggio della Sezione Volanti della Questura, alle ore 15.30 del 6 agosto, nel percorrere via Ascoli, giunto in contrada Giardino, ha rinvenuto e sottoposto a sequestro quale corpi di reato e per i dovuti accertamenti, 5 scocche di auto bruciate, due delle quali di sicuro provento furtivo, di cui una Atv AUDI A4 S.W.V6 distrutta dalle fiamme, con propulsore e priva di targhe. Tramite il telaio si è pervenuti alla targa di immatricolazione tramite la quale si è potuto accertare che ne era stato denunciato il furto in questura il 6 luglio scorso.

Tra le auto anche una Opel Meriva, distrutta dalle fiamme e priva di qualsiasi elemento identificativo. Una Volkswagen Golf distrutta dalle fiamme e priva di qualsiasi elemento identificativo. Un’autovettura Volkswagen Polo distrutta dalle fiamme, dal cui telaio si è risaliti alla targa di immatricolazione tramite la quale si è potuto accertare che la stessa è stata denunciata quale provento di furto presso i carabinieri di Foggia il 17 marzo scorso e, infine, una Alfa Romeo 147 distrutta dalle fiamme. Per quanto riguarda l’Audi è emerso che si trattava dell’autovettura che alle 00.15 del 19 luglio scorso, nel tentativo di sfuggire all’inseguimento da parte di due volanti della questura, aveva cercato di investire due operatori che le avevano intimato l’Alt, impattando violentemente contro il veicolo di servizio rimasto fortemente danneggiato. Nella circostanza, gli occupanti erano stati sorpresi mentre con l’Audi spingevano una Jeep Renegade appena rubata in viale Giotto a Foggia, successivamente recuperata e restituita al proprietario.  



In questo articolo: