“Antiprincipesse” contro la discriminazione, il progetto per i bimbi di Foggia

L’ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Foggia, Antonietta Colasanto, ha promosso e sostenuto il progetto ideato da Daniela d’Elia “Ma quale Principe Azzurro?” racconti animati e laboratori, che si pone l’obiettivo dell’educazione di genere per sensibilizzare le giovani generazioni a contrastare gli stereotipi.

“Nell’ambito delle attività promosse e sostenute dall’Ufficio – dichiara Colasanto – continua il percorso di sensibilizzazione e conoscenza finalizzato ad una adeguata educazione? di genere ed in questa ottica si inserisce il progetto ‘Ma quale Principe azzurro?’. Lo stesso è indirizzato alle bambine ed ai bambini di età scolare dai 7 ai 12 anni con l’obbiettivo della decostruzione degli steriotipi che da sempre discriminano la figura della donna”.

Il 16, il 23 febbraio, il 7 ed il 14 marzo, alle ore 17.30 nella Sala del Tribunale di Palazzo Dogana, la dottora Fantasia incontrerà le bambine e i bambini, con gli artisti dell’associazione Aps Creo, per raccontare le storie di 4 Principesse, anzi, di 4 Regine nel campo delle arti. Sono donne che non hanno avuto come scopo della loro esistenza quella di ricercare e sposare il Principe Azzurro per sentirsi realizzate, ma hanno utilizzato i propri talenti per esprimere pienamente se stesse.

Sono le “antiprincipesse” vissute alcune addirittura nel 600 altre nei primi anni del 900: Artemisia Gentileschi, Frida Khalo, Violeta Parra, Juana AzurdauyLa vita e le opere di queste “antiprincipesse” verranno raccontate mediante l’utilizzo di libri editi in Italia dalla Rapsodia edizioni che ha intrapreso questo viaggio con Editorial Chirimbote, casa editrice argentina, “madre” della collezione.
La prima delle antipricipesse è Frida Kahlo, seguita da Violeta Parra e Juana Azuduy. Le bambine e i bambini di Foggia verranno condotti per mano nei luoghi più belli della città per tentare di trasmettere amore e rispetto sia verso questi e sia verso se stessi .

Gli appuntamenti

Gli incontri inizieranno alle ore 17.30 a Palazzo Dogana presso la Sala del Tribunale il 16 febbraio con Frida Khalo, la principessa Atzeca “una donna che non ebbe paura di mostrare il suo corpo, che dipinse su tela i momenti più tristi e felici della sua vita che, nonostante i dolori fisici cercò sempre l’arte, l’allegria e lottò per il bene del mondo, non solo per lei stessa ma anche per tanti altri…”
Sogno o son desto? (laboratorio)
Sul muro i nostri sogni, disegnati, incollati, scritti, colorati.
Colla, sogni e forbici.

Il 23 Febbraio 17.30 Violeta Parra. “… Una viaggiatrice che è andata negli angoli sperduti del Cile alla ricerca di vecchie canzoni affinché non andassero dimenticate con il passare del tempo … non era ricca e non aveva bei vestiti, imparò da sola a suonare tanti strumenti, a dipingere su pezzi di carta trovati qua e là e a ricamare vecchi sacchi di tela. Era una “riciclatrice”!
Suono e canto che mi passa … (laboratorio)
Realizzeremo strumenti, inventeremo e canteremo canzoni.
Colla, tappi, bottiglie e flaconi, coperchi vecchi, e … voce!
Con la collaborazione del musicista Danilo Delli Carri

Il 7 Marzo ore. 17.30 Juana Azurduy. “ … eroina delle lotte per l’indipendenza dell’America Latina dall’Europa, avvenuta nei primi anni del 1800. E’ l’antiprincipessa dell’Alto Perù, la nostra principessa guerriera”
All’arrembaggio!!! (laboratorio)
Spade, sciabole, cappelli, divise … per organizzare un vero esercito di antiprincipesse e antiprincipiazzurri!
Colla, cartone, carte e stoffe e tanta grinta!

Il 14 marzo ore 17.30. Artemisia Gentileschi. La nostra antiprincipessa italiana dalla forte personalità, riesce ad affermare il suo talento nell’arte pittorica, privilegio decisamente riservato agli uomini.
Come in un quadro (laboratorio)
Un “tableau vivant”! Un vero e proprio set fotografico per immortalare “i quadri viventi “ ispirati ad Artemisia.
Stoffe bianche, gialle, rosse,nere e pose!





Change privacy settings