Scatta il Foggia Film Festival, tra svago e impegno sociale. Ospiti Placido (padre e figlia) e Scianna

IMG_0703
Giuliani, Bruno e Russo

15056397_687127401442219_6710261137014509188_nIl Foggia Film Festival è pronto ad aprire i battenti per la sesta edizione in programma dal 20 al 26 novembre 2016. Sede dell’evento, l’Auditorium Santa Chiara, che ospiterà anche quest’anno numerose produzioni nazionali ed internazionali, cinefili e filmmakers. Ben 60 film, di cui 10 produzioni pugliesi, 11 anteprime, 3 eventi speciali e l’omaggio a Dino Risi, nel centenario della sua nascita. “Il festival sarà per la città di Foggia un momento di svago, confronto e riflessione – spiega alla stampa Pino Bruno, diretto artistico dell’evento -. Ci saranno diversi incontri e dibattiti con insegnanti, studenti ed esperti del settore. Verranno proiettati cortometraggi, documentari, che parlano di lavoro, razzismo e bullismo. Il nostro festival è uno dei pochi in Europa a dedicare l’attenzione su tutti questi temi. Nasce dal basso, senza nessun fondo da parte del MiBAC – Ministero dei Beni Culturali. Ciò che ci aiuta sono le varie collaborazioni e il coinvolgimento dei ragazzi universitari” – precisa il direttore artistico.

Novità dell’edizione 2016, “Wine in the movies –  il cinema narra il mondo del vino”. È in programma il 25 novembre, con la proiezione di un’opera dedicata al mondo enologico e, a seguire, la degustazione dei vini del territorio e meeting con la partecipazione di viticultori, sommelier ed esperti del mondo accademico. Via poi con “Innovation Movies” – il cinema d’innovazione, e momenti di socializzazione nell’ambito di “Al cinema con gusto”, opere condivise con il pubblico con al centro i prodotti tipici che caratterizzano il territorio di Capitanata (23 e 24 novembre 2016).

IMG_0706
Dicesare, Giuliani, Bruno e Russo

Evento speciale in cartellone, “Le parole del cinema”: incontri e dibattiti con attori, registi, sceneggiatori, produttori e addetti ai lavori. Attesi, l’attrice internazionale Violante Placido, l’attore di Baarìa di Tornatore, Francesco Scianna e il regista, attore e sceneggiatore Michele Placido.

“Diamo continuità a questi progetti che offrono alla città momenti di svago e di confronto culturale – commenta l’assessore alla Cultura, Anna Paola Giuliani -. La gente ha voglia di concedersi momenti di evasione. Mi piace che anche i giovani universitari si uniscano in progetti come questo festival partecipando a dibattiti ed incontri”.

“Spesso si crea un indotto intorno a questi festival. Spero che iniziative come queste riescano ad offrire cose di qualità e ad arricchire l’economia del territorio nonostante la mancanza di fondi” – chiosa il presidente della Fondazione Banca del Monte (partner dell’evento), Saverio Russo.

IMG_0708
Pavarini, Vigiano e Dicesare

Il Festival è organizzato dal Teatro Studio Dauno “La Bottega dell’Attore” in collaborazione con Comune di Foggia, Regione Puglia, Fondazione Banca del Monte, Mediafarm e Coop Alleanza 3.0. All’incontro hanno partecipato anche il presidente della commissione Cultura Antonio Vigiano, la direttrice organizzativa Maurizia Pavarini, e il dirigente comunale alla Cultura Carlo Dicesare. 

Per l’ingresso al festival è previsto un contributo di 2 euro, valido per la visione di tutte le opere in programma dalle ore 19:00.