Spaccio di droga, arresti tra Gargano e San Severo. Perquisizioni in case e masserie

IMG_0884

I carabinieri di San Severo hanno predisposto uno stringente servizio di controllo del territorio, attuato con l’ausilio della Compagnia di Intervento Operativo e con il supporto del 6° elinucleo di Bari. Nel corso dell’operazione, che ha visto impiegate numerose pattuglie dell’Arma sia in orario serale, sia diurno e che ha coinvolto le zone centrali e periferiche della città dell’Alto Tavoliere, sono stati effettuati diversi posti di controllo durante i quali i militari hanno sequestrato 12 veicoli sprovvisti di copertura assicurativa e proceduto a due denunce per guida in stato di ebbrezza.

Luigi Stalla
Luigi Stalla

Numerose anche le perquisizioni effettuate che hanno consentito ai carabinieri di individuare un soggetto dedito allo spaccio di sostanza stupefacente. Nello specifico, durante una perquisizione è stato sorpreso Luigi Pio Stalla, classe ’96, in possesso di 33 dosi di marijuana pronte per essere vendute. Nell’abitazione del giovane, occultata all’interno della camera da letto, è stata inoltre rinvenuta una busta con ulteriori 250 grammi circa della stessa sostanza, nonché un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento in dosi della droga. Sequestrati anche 275 euro, tutti in banconote di piccolo taglio e verosimilmente provento dell’attività di spaccio. L’uomo, dichiarato in arresto, è stato condotto presso il carcere di Foggia.

IMG_0892

Successivamente l’attività di controllo è stata estesa anche ai comuni limitrofi. In particolare a Sannicandro Garganico i carabinieri, durante una perquisizione all’interno di una masseria situata nelle campagne, hanno sorpreso i fratelli Nazario e Antonio Contessa, rispettivamente classe ’96 e ’85, in possesso di una busta, occultata nei locali dello stabile, contente circa 750 grammi di marijuana già essiccata e pronta per essere suddivisa in dosi ed essere immessa nel mercato. Nel corso delle operazioni i militari della cittadina garganica hanno rinvenuto anche due piante di cannabis sativa oltre a materiale per la coltivazione e confezionamento dello stupefacente. I due, dichiarati in arresto, sono stati sottoposti ai domiciliari.