Furti nei box in zona stadio, tre ragazzi fermati dalla polizia. Uno è minorenne

Fratepietro volanti polizia

Erano intenti a forzare la saracinesca di un garage quando sono stati sorpresi dall’arrivo di una volante della questura di Foggia. Notte movimentata quella appena trascorsa in via Salvo d’Acquisto, zona stadio Zaccheria, dove gli agenti di polizia hanno tratto in arresto due maggiorenni e denunciato un minorenne di 17 anni, accusati di tentato furto in concorso. Tutto è iniziato durante un consueto controllo del territorio, i poliziotti hanno notato i giovani che, con fare sospetto, si sono allontanati alla vista della volante. Ne è scaturito un piccolo inseguimento ma gli agenti hanno bloccato i malviventi nel giro di pochi attimi.

Uno dei due ragazzi durante la fuga ha lanciato sotto un’autovettura un paio di forbici taglia lamiere, particolare che non è affatto sfuggito agli agenti. I due sono stati subito identificati in Antonio Bernardo, 19 anni con precedenti penali ed un minorenne che ha l’obbligo di permanenza in casa dalle 21 alle sette del mattino successivo. Durante i controlli gli agenti hanno individuato anche un altro giovane che si nascondeva all’interno di una Fiat Marea. Si tratta di Mario Pironti, 20enne trovato in possesso di un trapano a punta, un cacciavite ed un borsello al cui interno vi erano i documenti dell’amico, ovvero di Antonio Bernardo. Successivamente gli inquirenti hanno ricostruito la vicenda: i tre infatti, sono stati colti sul fatto proprio mentre stavano forzando la saracinesca di un garage della zona stadio al cui interno vi erano un’autovettura Ford Fiesta e una bicicletta. A quel punto i poliziotti hanno dichiarato in stato di arresto i due maggiorenni, Pironti e Bernardo, posti entrambi ai domiciliari mentre il 17enne è stato riaffidato alla custodia dei genitori. Quando i poliziotti hanno riaccompagnato a casa il 17enne, il padre del ragazzino lo ha redarguito con insistenza: agli agenti delle volanti è spettato anche il compito di fare da paciere tra genitore e figlio. Gli investigatori sospettano che i tre giovani possano essere gli autori dei numerosi furti in garage avvenuti nelle ultime settimane proprio nella zona stadio.