Aggredito e rapinato in campagna ma la vittima memorizza targa e fa arrestare malvivente

Salcone MicheleManette per Michele Salcone, sanseverese classe ’88. I  fatti risalgono allo scorso giugno quando un bracciante agricolo di 55 anni originario di San Severo, si era recato con la propria autovettura in località “5 Vie” in agro di San Severo, per raccogliere delle erbe e verdure selvatiche. L’uomo è stato raggiunto da due individui a bordo di una Fiat Punto e questi, a volto scoperto, dopo averlo strattonato e scaraventato a terra, gli hanno sottratto le chiavi del veicolo per poi dileguarsi subito dopo rispettivamente a bordo della Punto e dell’autovettura appena rapinata. Nonostante lo shock per quanto appena subìto, la vittima ha conservato la freddezza di memorizzare i dettagli di uno degli aggressori e dei primi numeri di targa della macchina a bordo della quale erano sopraggiunti i malfattori.

L’uomo ha riferito l’accaduto ai carabinieri di San Severo che hanno avviato immediatamente l’indagine. Nello specifico, per risalire all’identità dell’aggressore, i militari hanno effettuato un attento screening tra i numeri parziali della targa fornita dalla vittima e le autovetture compatibili per modello e colore con quella utilizzata dai rapinatori. L’incrocio dei dati ha fatto convergere le indagini su Salcone, utilizzatore di un’autovettura compatibile sia per numero di targa che per descrizione con quella utilizzata per commettere il reato. Inoltre, la descrizione delle fattezze fisiche del rapinatore fornita dalla vittima, è risultata del tutto compatibile con quella del 28enne sanseverese che è stato quindi riconosciuto in modo inequivocabile come l’autore della rapina.