Spettacolo alla basilica di Siponto, ecco il nuovo parco archeologico dove l’arte ricostruisce il tempo

Entusiasmo alle stelle per la rinnovata zona della basilica di Siponto a Manfredonia. Tutto grazie all’opera del giovane artista Edoardo Tresoldi, promossa dal Segretariato Regionale MiBACT e dalla Soprintendenza Archeologia della Puglia. L’inaugurazione del parco archeologico di Siponto e della straordinaria e suggestiva installazione contemporanea di Tresoldi ha ricostruito idealmente l’antica Basilica Paleocristiana. “Dove l’arte ricostruisce il tempo”.

Sette tonnellate di filo di ferro che si sviluppano lungo 14 metri di altezza. Attraverso un dialogo costante con gli archeologi, il giovane artista ha dato avvio a una ricostruzione in rete metallica del corpo longitudinale dell’ex basilica di Santa Maria. L’intervento è stato così “in grado di raccontare i volumi della preesistente basilica paleocristiana e al contempo di vivificare, attualizzandolo, il rapporto fra l’antico e il contemporaneo”, hanno spiegato i curatori dell’iniziativa.

Il progetto è stato realizzato grazie ai fondi europei P.O.In. – Programma Operativo Interregionale. Attrattori culturali, naturali e turismo – e ha l’obiettivo di valorizzare il parco archeologico pugliese. “Ho lavorato quasi come fossi uno scultore applicato all’architettura – spiega Edoardo Tresoldi – dove i diversi elementi si compongono e si relazionano con il resto del paesaggio e con la figura umana. Mi è subito piaciuta l’idea di realizzare qualcosa che potesse far parlare di sé o comunque permettesse in futuro lo sviluppo di altri progetti da parte di giovani talenti”.

12803049_10208706317565372_2740717554934652994_n